Quinta edizione

Salonissimo Festival, a Valleggia stelle di prima grandezza del tango mondialeevento

L'evento è organizzato da Giovanna Di Fazi e Andrea Degani dell'associazione Gioki Danza

salonissimo

Quiliano. “Cuando te agarra la locura del tango, quando ti prende la smania del tango… È una follia, un bisogno, una necessità. Di più, una febbre. Un’ossessione… è una danza che coinvolge non solo il corpo. Si impossessa dell’anima”. Sono parole del ballerino Carlos Gavito, morto nel 2005, un’autentica leggenda.

Un’occasione per sperimentare queste sensazioni che ben conoscono i sempre più numerosi appassionati del tango è la quinta edizione di Salonissimo Tango Festival, in programma da venerdì 5 a domenica 7 aprile, organizzato da Giovanna Di Fazi e Andrea Degani dell’associazione Gioki Danza, che anche quest’anno faranno arrivare in Liguria stelle di prima grandezza nel panorama del tango mondiale, a partire da uno dei più famosi ballerini di tango salón: Sebastian Jimenez, campione del mondo a Buenos Aires nel 2010 e campione metropolitano nello stesso anno per il vals.

Sua compagna nella danza e nella vita è Joana Gomez, laureata in arte, ricercatrice ed insegnante prima, ballerina professionista poi, anche lei ospite di Salonissimo. La seconda coppia è formata da John Erban, vicecampione nel 2011 al campionato mondiale di Buenos Aires nella categoria salón e quinto per lo scenario, e Francesca Del Buono, campionessa italiana di tango scenario 2016, seconda classificata nel campionato europeo di salón, finalista per entrambe le categorie nel Campionato mondiale in Argentina.

Sabrina Tonelli, rinomata ballerina professionista e riferimento per i ballerini di tutto il mondo per la cura dell’immagine, sarà presente come visagista, esperta di acconciature, truccatrice nonché stilista per abiti da tango.

Sull’origine di questa danza scrive Jorge Luis Borges: “Si dice che il tango sia arrabalero, che nasca nelle suburre, che in quel tempo erano molto vicino al centro. Però la gente di allora mi ha spiegato che la parola arrabalero non ha un significato strettamente topografico, più che di periferie si dovrebbe parlare di zone di confine. Quindi, dove nasce il tango? Negli stessi luoghi dove sarebbe sorto pochi anni dopo il jazz negli Stati Uniti, nelle casas malas sparse per tutta la città. Luoghi in cui la gente si riuniva anche solo per giocare a carte, bere un bicchiere di birra ed incontrarsi con gli amici”.

Da lì il tango si evolve, conquista la classe media e l’alta borghesia, diventa il fenomeno culturale più importante dell’Argentina e si diffonde in tutto il mondo.

Il tango ha un suo codice e un suo lessico: la milonga è il luogo dove si ballano il tango, il vals, tango dal tempo ternario, e la milonga intesa questa volta come danza, la più antica delle tre, da cui la sala prende il nome; i ballerini scivolano sulla pista levigata muovendosi secondo una linea di ballo detta “ronda”; figure importantissime nella milonga sono i musicalizador, i Dj che propongono i brani musicali scegliendo epoca e musicisti quali Julio De Caro, Carlos Di Sarli, Juan D’Arienzo, Anibal Troilo, Osvaldo Pugliese e, tra i più recenti, Astor Piazzolla; la scelta della musica segue un criterio di omogeneità per ogni turno di danza detto tanda; le tande sono separate da un breve brano musicale non ballabile detto cortina; il bandoneón, un tipo di fisarmonica di origine tedesca dal suono sentimentale e nostalgico, è uno degli strumento fondamentali di ogni orchestra, assieme al piano e al violino.

Tutti questi elementi li ritroveremo, a partire da venerdi 5 aprile e per tre giorni, sulla pista della SMS Aurora di Valleggia. Il festival inizierà alle 20,15, con lo spettacolo “Gocce di tango”: esibizione di cinque coppie di ballerini accompagnati dall’Orchestra Ensamble Hyperion. L’Ensemble, che ha collaborato con artisti internazionali nei più prestigiosi teatri europei, si dedica al tango in generale, con particolare attenzione al repertorio di Piazzolla. La serata proseguirà con la milonga e la ronda di bienvenida dei maestri sulle musiche dell’Ensemble Hyperion e della Dj Sarina Cassaro.

Nei pomeriggi di sabato 6 e domenica 7 Sebastian Jimenez con Joana Gomez, John Erban con Francesca Del Buono terranno lezioni su vari elementi del tango mentre Sabrina Tonelli farà due incontri su trucco e acconciature per ballerine da sala e scenario. Sabato, a partire dalle 22, l’imperdibile milonga con la Dj Paola di Bari e gli eccezionali show degli artisti intervenuti. Domenica sera ancora milonga con la Dj Sofia Gavito Correa e la ronda de despedita con tutti i maestri.

Per chi volesse avvicinarsi al tango sono previste due lezioni di prova gratuite, sabato e domenica dalle 20 alle 21. Salonissimo è organizzato da Gioki Danza, associazione che da 18 anni si impegna per la diffusione del tango argentino e della sua cultura, curandone anche l’aspetto aggregativo e sociale, ed è patrocinato dall’ambasciata argentina, dalla Provincia di Savona e dai Comuni di Savona e Quiliano.

salonissimo

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.