IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Potenziamento ferroviario Savona-Torino, Melis (M5S): “Per portualità e economia savonese una visione d’insieme da parte di tutti”

"L'annuncio della prima nave per la piattaforma Maersk pone l'accento sulla necessità sempre più vitale di mettere mano al potenziamento ferroviario della Savona-Torino"

Regione. Aveva come tema la mobilità ferroviaria nel ponente savonese, con particolare attenzione al potenziamento della Savona-Torino, l’audizione tenutasi questa mattina durante la quarta commissione regionale e alla quale hanno partecipato il Comune di Savona, l’Autorità Portuale e l’Unione degli Industriali di Savona.

“L’annuncio della prima nave per la piattaforma Maersk, fissata per il 12 dicembre 2019, pone l’accento sulla necessità sempre più vitale di mettere mano al potenziamento ferroviario della Savona-Torino – dichiara il consigliere regionale del M5S Andrea Melis – Occorre dunque da parte di tutti un impegno concreto per arrivare a una visione d’insieme su tutta la linea: oltre al potenziamento, vanno affrontate le non poche problematiche relative alle gallerie, agli armamenti e al sistema di segnalamenti ferroviari necessari per rendere l’infrastruttura rispondente alle crescenti esigenze della portualità savonese”.

“Il traffico merci che si verrà a creare con la piattaforma Maersk, da e per il porto di Savona, impone di prevedere soluzioni che possano ovviare alle mancanze dell’attuale sistema infrastrutturale; stride peraltro la poca attenzione rivolta al traffico merci su rotaia anche nell’accordo di programma con cui si diede il via alla piattaforma vadese. In quest’ottica, vanno inoltre trovate soluzioni per migliorare l’utilizzo dello scalo ferroviario del Parco Doria di Savona”.

“In quarta commissione, dunque, si è condiviso il percorso di predisporre un atto di risoluzione che possa essere approvato a nome di tutta la commissione consiliare per promuovere l’impegno della giunta regionale e arrivare a uno studio di fattibilità da inserire nel contratto di programma RFI”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.