IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

LaerH, i sindacati incontrano la proprietà: “Finanziare le commesse di Piaggio per salvare i lavoratori dell’indotto”

"I lavoratori hanno dimostrato grande unità nelle iniziative di mobilitazione organizzate da novembre a questa parte e continueranno a lottare per difendere il proprio posto di lavoro"

Albenga. Oggi le segreterie provinciali di Fim, Fiom e Uil e la Rsa dello stabilimento Laerh di Albenga hanno incontrato la proprietà per discutere del futuro produttivo ed occupazionale del sito, che è “messo in grave pericolo dalla difficoltà in cui versa da mesi Piaggio Aerospace”.

“Ci è stato ribadito – spiega il segretario provinciale della Fiom Andrea Mandraccia – ciò che da sempre sappiamo: senza la formalizzazione di nuovi carichi di lavoro nel breve periodo da Piaggio non c’è possibilità di riaprire la fabbrica nel breve periodo. Infatti, la definizione di contratti con altri clienti (primo fra tutti Leonardo) a cui l’azienda sta lavorando non garantisce la piena occupazione dei 53 lavoratori diretti, men che meno il riassorbimento dei lavoratori in somministrazione e dei tirocinanti a cui è cessato il contratto alla fine dello scorso anno”.

“Per questo è necessario che quanto prima venga definito il finanziamento di quelle commesse sia civili che militari che erano state annunciate nell’incontro al Mise dello scorso 26 febbraio ma che ad oggi non sono ancora state formalizzate. Ricordiamo come i lavoratori LaerH siano in cassa integrazione da dicembre senza integrazione aziendale, mentre gli altri lavoratori che prestavano la propria attività in LaerH sono in sospensione come prevede il contratto collettivo nazionale di lavoro per le agenzie di lavoro in somministrazione o in Naspi”.

“È pertanto indispensabile che arrivino risposte dall’incontro per Piaggio Aerospace che si terrà al Mise il prossimo 24 aprile. I lavoratori hanno dimostrato grande unità nelle iniziative di mobilitazione organizzate da novembre a questa parte e continueranno a lottare per difendere il proprio posto di lavoro, difendendo al tempo stesso il più rilevante nuovo sito produttivo che si è insediato negli ultimi anni nella nostra provincia”, conclude Andrea Mandraccia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.