IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I sindacati: “No all’autoproduzione negli scali dove sono presenti lavoratori portuali”

"Tutto questo crea solo preoccupazione ed incertezza"

Savona. “Nei porti dove sono presenti i lavoratori portuali non deve esistere autoproduzione”. Lo affermano le segreterie territoriali di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, che così esprimono il loro dissenso “nei confronti dei comportamenti sempre più frequenti di autoproduzione non autorizzata nei porti italiani”.

“Tutto questo crea solo preoccupazione ed incertezza in una situazione portuale già pesantemente compromessa da interpretazioni della legge diverse in ogni porto con il rischio di causare disoccupazione e problemi relativi alla sicurezza sul lavoro”.

In particolare, i lavoratori del porto di Savona chiedono che “anche nel nostro scalo, tutte le operazioni di ‘rizzaggio’ e ‘derizzaggio’ siano svolte dai portuali e non dai lavoratori marittimi che sono a loro volta vittime della speculazione sul costo del lavoro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.