IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Festa della Liberazione, ecco le iniziative nei comuni savonesi per il 25 Aprile

Il programma del principali eventi organizzati per la ricorrenza

Provincia. Come ogni anno non mancano le polemiche politiche, tuttavia il savonese si prepara alle celebrazioni per il 25 Aprile, la Festa della Liberazione: in programma diverse iniziative nei comuni della provincia.

Savona. Sarà l’ottava edizione della festa di “25 aprile R-esiste” ad animare la giornata della Festa della Liberazione a Savona. L’evento sarà un momento di celebrazione, di riflessione ma anche un’occasione di festa per giovani, adulti e famiglie con spettacoli, concerti e mostre che invaderanno gli spazi della Fortezza del Priamar: una giornata inclusiva e partecipata che ha sempre posto al centro i valori della democrazia come comune denominatore per quella che è la festa delle donne e degli uomini liberi.

Le mostre, curate da Isrec, Aned, Anpi, Find The Cure, Udi, Fondazione 100 Fiori, apriranno alle 15. Il pomeriggio sarà animato dagli stand espositivi di Auser, Find The Cure, Italia Cuba, Assemblea Antifascista e Antirazzista di Villapiana, Cgil, Inyoureyeszine One Love Fc, Movimento Federalista Europeo, Amici del San Giacomo, Sinistra Italiana, Prc, Giovani Comunisti e dall’animazione per bambini a cura di a cura del ludobus “Giocosamente” di Progetto Città e del gruppo Emergency. Il concerto della piazza della Cittadella alle 16 è curato da Arci Chapeau e vedrà la partecipazione di Groove Walk; quello serale di piazza del Maschio (con direzione artistica di Raindogs House) vedrà alternarsi sul palco: Klasse Kriminale, Blue Young Monkeys, Mangiatutto in collaborazione con Circo Incerto, The Linettis, Open Orchestra. Per tutta la giornata stand gastronomici per l’autofinanziamento della manifestazione.

L’evento è organizzato con la partecipazione e il contributo di: comitato provinciale di Anpi, Coop Liguria, Legacoop, Cgil, Arci provinciale, Arci Raindogs, Arci Chapeau, Asms Fratellanza Quilianese, Smsf Zinolese, Smsf Leginese, Coop Bazzino, Cesavo, Isrec, Aned, Acli, Auser, Circolo Italia-Cuba, Collettivo Grigio Balena, Confcooperative, Emergency, Find The Cure, Inyoureyeszine, Libera, Udi, Circolo Italia Cuba, Fondazione 100 Fiori, Giovani Democratici/Pd, Giovani Comunisti/Prc, Movimento Federalista Europeo, Rete A Sinistra, Sinistra Italiana, Verdi.

Festa Liberazione 25 Aprile Loano

Loano. Il corteo con la banda cittadina partirà da Piazza Italia, davanti al Comune, alle ore 11 per andare, passando da via Boragine, a deporre un mazzo di fiori al monumento alla Resistenza nei giardini “Sandro Pertini” sul mare. Alle 11.20 poi, presso il monumento ai Caduti sulla passeggiata, il saluto della presidente della sezione Anpi di Loano Laura Sero; a seguire parlerà la dottoressa Nadia Morachioli della segreteria provinciale dell’Anpi. Chiuderà la manifestazione l’intervento del sindaco Luigi Pignocca.

Finale Ligure. Giovedì 25 aprile alle 9.30 nella basilica di San Giovanni Battista a Finalmarina verrà officiata la messa. Alle 10.30 si terrà un consiglio comunale straordinario in cui “Finale Ligure ricorda i caduti e celebra il 74^ anniversario della Liberazione” con la partecipazione del Consiglio Comunale del Ragazzi. A seguire corteo per le vie cittadine e deposizione delle corone.

Il centro studi “Costituzione e Democrazia” ha collaborato all’allestimento della mostra dell’istituto comprensivo di Finale (dei plessi di scuola primaria di Borgo, Calice, Calvisio, Marina, Pia) ospitata nella “Corte del Cuore” nell’atrio di Palazzo Gallesio in via Pertica a Finale. La mostra, inaugurata il 15 aprile, sarà visitabile fino al 25 aprile dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.

Albenga e i paesi delle sue valli festeggeranno il 25 Aprile ricordando la Liberazione dal nazi-fascismo e soprattutto i tanti giovani che si sacrificarono per riconsegnarci l’Italia democratica e libera. Saranno presenti, oltre al sindaco di Albenga, i rappresentanti dei comuni di Nasino, Casanova, Castelbianco, Vendone, Arnasco, Villanova d’Albenga: dopo la messa nella cattedrale di San Michele alle 9 e l’alzabandiera al monumento ai caduti di piazza 4 Novembre alle 9.45, tutti insieme si sposteranno in piazza del Popolo dove alle 10 circa si terrà l’orazione ufficiale tenuta da Daniele La Corte, giornalista e scrittore, autore di libri sulla Resistenza. Alla fine dell’orazione il corteo (accompagnato dalla musica del Corpo Bandistico Giuseppe Verdi e dai canti della Corale Egidio Marcelli) proseguirà sino al Fortino alla Foce del Centa, dove furono uccisi 59 giovani, uomini e donne, trucidati dalla furia nazi-fascista. All’arrivo davanti alla lapide, verranno lette citazioni e poesie da parte di alcuni ragazzi della scuola secondaria di primo grado di Albenga e di seguito verranno scanditi i nomi dei 59 martiri.

Alassio. Alle ore 10 in piazza della Libertà. Il programma: saluto del sindaco di Alassio Marco Melgrati; orazione di Giuliano Arnaldi presidente dell’associazione “Fischia il Vento”; Santa Messa; saluti dell’Anpi; premiazione del concorso indetto dall’Anpi fra i ragazzi delle scuole di Alassio. Durante la cerimonia verranno eseguiti brani musicali da parte della “Alassio Casual Orchestra“ dell’Istituto Comprensivo statale di Alassio. Deposizione di corone in Comune ai Monumenti ai Caduti, agli Alpini e alla lapide sul pontile Bestoso, dove si concluderà la manifestazione.

Cairo Montenotte. Giovedì 25 aprile alle ore 10 appuntamento in piazza della Vittoria, con gli onori al Monumento ai Caduti e la preghiera presso il Monumento ai Partigiani, con la partecipazione della Banda Musicale “Puccini”. Nell’anfiteatro, poi, interverranno il sindaco Paolo Lambertini e il presidente dell’Anpi di Cairo, Leda Bertone. A concludere “Canti della Libertà”, concerto del coro lirico “Claudio Monteverdi” di Cosseria.

Pietra Ligure. Il programma delle celebrazioni prevede: alle 9 il ritrovo in piazza Martiri della Libertà, davanti al municipio; alle 9.15 la sfilata per le vie cittadine accompagnati dalla Società Filarmonica “G.Moretti” con deposizione di una corona al monumento ai caduti e successivo omaggio al Monumento al Partigiano; alle 10 nella basilica San Nicolò di Bari la messa in suffragio dei defunti; alle 10.45 in piazza San Nicolò il saluto del sindaco Dario Valeriani e l’orazione di Stefano Nasi, segretario provinciale di Anpi; alle 11.45 deposizione di una corona al cippo commemorativo dei Caduti di Ranzi. Accoglieranno i convenuti alunni e studenti delle scuole di Pietra Ligure con canti e letture. In caso di maltempo la manifestazione si terrà presso il teatro comunale “G. Moretti”.

Festa della Liberazione 25 aprile

Albisola Superiore. Nella 74° ricorrenza della Festa della Liberazione, il 27 aprile 2019, iniziativa comune del Centro XXV Aprile e dell’Associazione nazionale di Amicizia Italia-Cuba Circolo Granma ad Albisola Superiore. “La Resistenza è stata– dal punto di vista politico, militare e ideale –un fenomeno complesso e articolato. Un’importante pagina della storia contemporanea, sulla quale può riflettersi il messaggio pirandelliano dello sfaccettarsi della Verità. Oggi, più che mai, è urgente il recupero di un suo comune -principio etico-. Tutto ciò anche perché elementi di discontinuità intervenuti nel corso degli ultimi decenni (il ’68, la caduta del muro di Berlino, la globalizzazione e la sua crisi, …) hanno spezzato la linearità del rapporto tra l’esperienza resistenziale e l’evoluzione della vicenda politica democratica che ne fu diretta conseguenza. Ecco, dunque, quanto noi dobbiamo ancora compiutamente trovare: un sentimento nazionale ma anche comunitario, che ci permetta di affrontare le temibili derive e i pericoli per la pace che emergono sullo scenario attuale. Ed è per questo che auspichiamo che le Celebrazioni del 25 Aprile assumano ovunque una forma condivisa e paritetica fra le varie componenti del fronte democratico ed antifascista, anche se talora, quasi in contraddizione con i valori che abbiamo ereditato e per poco comprensibili ragioni, a distanza di oltre settant’anni da quei giorni, tanto eroici quanto tragici, ciò purtroppo stenta a realizzarsi”.

“Nello spirito di un coinvolgimento più ampio, nella 74° ricorrenza della Festa della Liberazione, l’iniziativa congiunta del Centro XXV Aprile e dell’Associazione nazionale di Amicizia Italia-Cuba Circolo Granma si svolge ad Albisola Superiore, con il patrocinio dei Comuni di Albisola Superiore e Stella, dell’ISREC, dell’ANED, dell’ANA e la collaborazione dell’ANPI, Sezione di Acqui Terme, e di Fischia il Vento. Il programma è il seguente: Sabato 27 aprile, alle ore 16,30, nella sede dell’Associazione Alpini, -Olga-, la vicenda di un deportato IMI, presentazione del libro di Antonio Rossello, introduce: Teresa Ferrando (Presidente ISREC); Roberto Casella (Associazione Italia Cuba): -Olga Turino Guerra e Gino Donè, l’incontro tra una rivoluzionaria e un partigiano-. Saranno presenti Luigina Balaclava, familiare del deportato, e la scultrice Gabriella Oliva, che ha realizzato la scultura –Two women– riprodotta all’interno del summenzionato volume”.

“In omaggio allo spesso silente ma grandioso contributo offerto in varie forme dalle donne alla Resistenza, l’opera –Two women– verrà esposta al pubblico nell’occasione. La scultura simboleggia gli stereotipi con cui nel tempo alcune culture hanno visto la donna. Frontalmente vi sono due rappresentazioni femminili. La figura angelica, madre e musa ispiratrice, accezione di patria comune. A fianco, la figura velata: la negazione della persona e delle sue potenzialità, un orrore che può arrivare fino all’estremo di violenze, di annientamento, di schiavitù e di morte, conosciuto da chi ha patito la deportazione. Dal lato opposto, le due donne hanno invece forme sensuali: libere di esprimere in piena autonomia il proprio -animus-, testimoniando il riscatto che proviene da un percorso di liberazione. Olga, nel volume omonimo, ambisce a declinare ogni aspetto della femminilità. Ed inoltre porta lo stesso nome di una figura di donna coraggiosa, Olga Turino Guerra, la quale ispirò l’incontro di un partigiano italiano Gino Donè con la rivoluzione cubana, sullo sfondo della vicenda dello sbarco del battello Granma. L’obiettivo è quindi di approfittare di questa ricorrenza, per ampliare l’orizzonte su storie che hanno in comune un desiderio di libertà e di verità, entrambe agognate e cercate incessantemente, anche al di là dei confini politici, geografici e umani ricevuti in sorte”.

Andora. Il ricordo dei partigiani caduti nei discorsi delle istituzioni  al centro della Cerimonia del 25 Aprile, che si svolgerà dalle ore 10.00 nei pressi del Monumento ai Martiri della Libertà di via Clavesana. Ecco il programma: Ore 10.00 – Alzabandiera; Ore 10.15 – Santa Messa; Ore 10.45 – Saluto del Sindaco Mauro Demichelis; Ore 11.00 – Orazione Ufficiale; Ore 11.15 – Intervento dei Rappresentanti del Consiglio Comunale dei Ragazzi e della Ragazze di Andora.

Varazze. Iniziative promosse dalla città di Varazze, in collaborazione con la locale sezione A.N.P.I. intitolata a Berto Ghigliotto, per celebrare il 25 Aprile 2019, 74° Anniversario della Liberazione. “Partecipiamo per ricordare tutti insieme il giorno della Liberazione riflettendo sul nostro passato senza mai dimenticare. La nostra bella Italia deve rimanere unita nella fratellanza  e nella solidarietà, nella fermezza e nella condivisione per affrontare anche con sacrifici i  difficili momenti odierni e con orgoglio superarli. Onoriamo oggi il fondamento della Carta Costituzionale come garanzia dei diritti irrinunciabili della libertà dell’uomo, ringraziando sempre coloro che a prezzo della vita ce li hanno donati. Il dono della vita per la libertà” (Il Sindaco Alessandro Bozzano  –  Il presidente Maurizio Gualdi).

Programma: Ore 9,00 – Rappresentanza alla fraz. Pero, loc. Valloria, per la deposizione di una corona alla lapide di Emilio Vecchia. Ore 9,30 – Rappresentanza al cimitero urbano per la deposizione di una corona al monumento ai Caduti ed alla tomba del partigiano Emilio Vallino. Ore 10,30 – Raduno dal Palazzo comunale delle Rappresentanze Combattentistiche, Autorità Civili e Militari e partenza corteo con l’accompagnamento della Banda Cardinal Cagliero e deposizione corona a:- lapide di viale Nazioni Unite – via Malocello; – lapide ai Caduti di tutte le guerre in Piazza Sant’Ambrogio; – al Monumento ai Marinai d’Italia. Ore 11,15 – Alzabandiera in piazza De Gasperi. – A seguire partenza corteo sulla passeggiata a mare sino a Piazza Bovani e deposizione di una corona alla lapide di Nello Bovani. Ore 12,00 – Piazza Beato Jacopo: – Saluto e discorso del Sindaco; – Saluto del Presidente della sezione A.N.P.I. di Varazze; – Intervento di Andrea Pasa, Segretario generale CGIL Savona. Concluderà la Banda musicale della Città di Varazze Cardinal Cagliero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.