IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bando per il direttore di Finale Ambiente, respinta mozione in Consiglio comunale

La richiesta di "Finale Ligure Viva" è stata bocciata dalla maggioranza

Finale Ligure. Oltre ad una serie di pratiche su bilancio e rendiconto di esercizio, al centro dell’ultima seduta operativa del Consiglio comunale finalese prima del voto del 26 maggio la mozione presentata dal consigliere di Finale Ligure Viva Sergio Colombo (gruppo misto) sul bando per il direttore generale di Finale Ambiente, la partecipata del Comune, un concorso finito al centro delle polemiche politico-elettorali.

Nel documento presentato del consigliere del movimento civico finalese si chiedeva l’annullamento del bando, in quanto “eticamente scorretto, vista la vicinanza alle elezioni e inutilmente oneroso per la comunità finalese perchè è possibile la gestione con un amministratore unico; inoltre dal 2021 la gestione della raccolta dei rifiuti sarà affidata ad un unico gestore per l’intera provincia, di conseguenza verrà meno la necessità di avere un Cda e tutto l’apparato con i costi che ne conseguono”.

La mozione è stata respinta, con il sindaco Ugo Frascherelli che ha sottolineato come la procedura sia stata ormai avviata e che non sia possibile tornare indietro. A breve ci sarà la selezione e la nomina del nuovo direttore di Finale Ambiente, il terzo in poco tempo dopo le dimissioni di Silvio Ascoli. Dunque, una patata bollente che sarà lasciata nelle mani della prossima amministrazione comunale, che dovrà fare i conti con le necessità di una amministrazione più snella per la partecipata finalese e con il progetto della nuova sede ancora tutto da definire.

Il consigliere Colombo, spalleggiato nella mozione dai consiglieri Badano e Simonetti, ha criticato l’attuale amministrazione per aver allungato la convenzione alla Finale Ambiente fino al 2030, “cosa inusuale visto che dal 2021 per la raccolta dei rifiuti ci sarà un gestore unico, con Finale Ambiente che potrebbe avere funzioni ridotte ai parcheggi e al porto turistico: la raccolta rifiuti copre più della la metà delle entrate della società partecipata” ha ribadito Colombo in Consiglio comunale.

La maggioranza, invece, ha tirato dritto per la sua strada, rivendicando la necessità della nomina del nuovo direttore generale e completare così l’asset manageriale di Finale Ambiente.

Mozione respinta, quindi, ma polemica ancora aperta e non mancherà certo la bagarre da qui al voto del 26 maggio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.