Arrestato per il furto di una bici e per detenzine di cocaina: non potrà tornare ad Albenga - IVG.it
Arresto convalidato

Arrestato per il furto di una bici e per detenzine di cocaina: non potrà tornare ad Albenga

In manette era finito un marocchino di 34 anni

tribunale savona

Albenga. E’ stato processato per direttissima questa mattina Omar Bouslhane, il trentaquattrenne marocchino arrestato la notte scorsa dai carabinieri di Albenga per il furto di una bici e per detenzione di tre grammi di cocaina.

Il suo arresto è stato convalidato dal giudice Giorgia Felisatti che gli ha imposto la misura del divieto di dimora ad Albenga. Vista la richiesta di termini a difesa avanzata dall’avvocato Alessandro Stipo (che sostituiva la collega Francesca Aschero) il processo è stato poi rinviato al prossimo 13 maggio.

L’arresto aveva preso le mosse da una chiamata al 112 di una coppia di turisti tedeschi che segnalavano il furto della loro bicicletta prelevata dal porta pacchi dell’auto, parcheggiato davanti ad un ristorante.

Immediatamente erano scattate le ricerche da parte dei militari che, poco dopo, avevano individuato sul lungocenta un extracomunitario che fuggiva proprio in sella alla bicicletta segnalata, ancora con la catena attaccata, ma rotta. Il marocchino era stato subito bloccato e perquisito ed era stato trovato in possesso di 3 grammi di cocaina e un coltello.

Per questo era stato quindi arrestato per furto, detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e porto abusivo di coltello. La bicicletta era stata restituita ai cittadini tedeschi che si erano complimentati con gli uomini dell’Arma per la celerità dell’intervento.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.