IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, nuovo incontro pubblico per il progetto “New Pilgrim Age” legato a San Martino

Appuntamento venerdì 5 aprile, a Palazzo Oddo con il lancio delle azioni pilota e la roadmap del progetto

Albenga. Entra nel vivo il progetto “New Pilgrim Age” per la valorizzazione dell’eredità culturale di San Martino a cui la città di Albenga partecipa insieme ad altri partner e che potrebbe portare all’inserimento ufficiale della cittadina in uno dei cammini ufficialmente riconosciuti dalla Commissione europea.

Il percorso, iniziato nel 2017 con l’adesione del Comune di Albenga, è proseguito con la puntuale esecuzione delle attività di progetto ha prodotto documenti importanti che potranno essere molto utili per le strategie culturali, ricettive e turistiche del comune di Albenga. Grazie ad una strategia condivisa da una significativa platea di stakeholders è stata realizzata una local vision e questa è stata verificata professionalmente tramite un’operazione di socio- economica definita Gap Analysis.

E’ stato poi indetto un concorso di idee che ha cercato di coinvolgere la città e i suoi talenti nell’individuazione, all’interno di diverse aree di sviluppo, delle azioni che potessero meglio concorrere alle finalità del progetto. Le idee vincitrici sono state adottate con un atto di giunta dal Comune di Albenga e da esse sono state estrapolate  azioni pilota che possano costituire la base esperienziale e valutativa della roadmap che determinerà le finali strategie di sviluppo.

Afferma l’assessore a turismo e cultura Alberto Passino: “Un progetto europeo che può essere l’occasione per Albenga di cooperare con altri paesi dell’Unione, accomunati da una figura importante come San Martino. Ringrazio chi ha lavorato in questi anni con me al progetto, uffici ed amministratori, ma ci aspetta ancora molto lavoro e sono certo che ‘New pilgrim age’ potrà essere volano per uno sviluppo turistico come quello religioso, ma non solo.”

Soddisfazione anche del sindaco Giorgio Cangiano e della consigliera con delega ai fondi europei Eleonora Molineris “per un progetto che sta prendendo pienamente forma con la realizzazione di eventi e incontri ad alto livello che avrà forti ricadute, sia dal punto di vita promozionale della città di Albenga, che per il grande coinvolgimento di tutti i soggetti impegnati nel progetto realizzato  grazie all’ottenimento dei fondi europei”.

Venerdì 5 Aprile, appuntamento alle 17.30, presso la Sala al terzo piano di Palazzo Oddo, dove si svolgerà l’incontro di lancio delle azioni pilota e si illustrerà il percorso partecipato che definerà la roadmap del progetto; azioni molto ambiziose e suggestive a partire dall’Impresa dell’artista Sergio Giusto.

Il camminatore ingauno, già conosciuto per le sue lunghe camminate, supererà se stesso affrontando il percorso da Szombathely ad Albenga. Il percorso è stato organizzato dall’Associazione culturale “Il giardino letterario” e il camminatore ingauno sarà l’ambasciatore della città di Albenga, incontrando lungo il percorso gli altri partner di progetto, ma anche amministratori, stakeholder, istituzioni culturali e scuole. Giusto scambierà doni e prodotti tipici della cittadina ingauna e con l’accompagnatore Gianfranco Radini, alla guida di un camper di appoggio, percorrerà tutta la Via Sancti Martini contribuendo al tracciamento della parte tra Pavia e Albenga che non risulta utilmente tracciata.

L’impresa costituisce solo l’elemento centrale delle pilot actions; infatti la valorizzazione dell’eredità culturale di San Martino passerà anche attraverso iniziative culturali e giochi per i ragazzi delle scuole e tramite l’utilizzo di strumenti tecnologici che possano attualizzare la figura del pellegrino. Non è questa l’unica azione pilota del Comune di Albenga; altre iniziative coinvolgeranno l’Istituto internazionale di Studi Liguri che curerà la parte storica e documentale delle iniziative mentre le scuole, tramite l’ACLI Savona e l’associazione culturale, “Cosa vuoi che ti legga?” e altre realtà divulgativo sociali cureranno iniziative ricreative per la conoscenza e diffusione  dell’ redità culturale di San Martino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.