IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Slot machine gratis, nella top-15 domina la Liguria: tutti i dati

Più informazioni su

Le slot machine gratis sono un fenomeno in crescita esponenziale: se si va a spulciare il volume di ricerca, per esempio, si nota che è pari a 40.5K, come emerge da un recente studio di settore. I dati sono interpolati dai principali canali di diffusione in questo caso, ovverosia Google Trends, SemRush, Ahrefs. Tuttavia, nell’ultimo anno di riferimento, il 2019, il trend che sembrava inarrestabile ha visto un capovolgimento di fronte: l’interesse dell’utenza, riguardo le slot machine gratuite, ha subito una flessione del 21% in soli 12 mesi. I motivi di questo calo drastico sono molteplici ma tutti comprensibili, dati alla mano.

Anzitutto il Decreto Dignità, il provvedimento varato dal Governo Conte I, che ha introdotto il blocco totale sulla pubblicità, diretta e indiretta, su giochi e scommesse con vincite in denaro. Il Decreto ha prodotto anche un effetto-psicosi nei primi mesi dello scorso anno, essendo stato uno dei temi più cliccati sui motori di ricerca: gli utenti, difatti, ne hanno subito la “terrificante” fascinazione. Nel tempo il terrore è andato scemando. La decrescita ha però anche altri colpevoli.

Il primo, metaforicamente, e più importante è rappresentato dall’utenza stessa: si è verificata, in pratica, una transizione sempre più massiccia dalle slot machine gratis alle slot machine con soldi veri, un passaggio dettato dal calo netto dei timori degli utenti nei confronti degli effetti del Decreto Dignità. I motivi sono vari e, seppur esistano portali affidabili e sicuri al massimo, l’aspetto tutela-sicurezza ha fatto grossa parte del gioco. Però, comunque, l’interesse per la categoria delle slot machine gratis persiste e per il 2020 si spera in una nuova ripresa. Ma come stanno le cose singolarmente, a livello regionale?

Ecco, questo è un aspetto di non secondaria importanza: la classifica relativa alla diffusione nelle regioni del nostro Paese vede dominare la Liguria, autentica leader nell’interesse di ricerca, con una frequenza del 100%. Significa che l’utente medio ligure è attratto dalla possibilità di giocare alle slot gratis online e che opera una accurata selezione delle sue scelte. Il dato è ancor di più considerevole se si fa riferimento alla percentuale di ricerca, praticamente il massimo.

Il dato è ancora più eloquente se si confronta con quello emerso dal ultima edizione del Libro Blu, l’annuale report dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli sullo stato di salute dell’industria dell’azzardo in Italia: la Liguria non figura nella top ten per quel che riguarda la spesa in termini di gioco e nemmeno tra le regioni con la spesa pro capite più alta, tra città e relative province. Il dato conferma ancora la naturale propensione dei giocatori per i casinò online, grazie all’alto interesse per certe tipologie di gioco.

Tra le altre regioni chiudono il podio il Friuli-Venezia Giulia con il 90% e l’Abruzzo con una percentuale di sette punti inferiori. Alle loro spalle troviamo la Calabria con il 77% e l’Emilia-Romagna con il 72%.

Le percentuali di interesse per le slot machine gratis sono altissime. Nello studio relativo alle slot machine gratis, gli esperti hanno anche valutato i cambiamenti introdotti da Google nel posizionamento degli annunci a pagamento correlati. Dalla fine dell’anno 2019, Adwords ha posizionato ai primi quattro posti della Serp gli annunci pubblicitari di piattaforme .com. Tale cambiamento rappresenta un pericolo per gli utenti, in quanto tali siti internet non sono regolamentati nel mercato italiano e non forniscono la sicurezza dei portali con licenza AAMS.

La tecnica di molti è quella di sfruttare brand popolari per ottenere un push sui motori di ricerca e via dicendo, giovando così dell’elevato interesse per una keyword usata poi come esca. Una tecnica ambigua incentrata sulla SEO, che ha prodotto dei clamorosi strascichi nel Regno Unito per il caso, ormai celebre, cosiddetto “GamStop”, che ha portato il governo britannico ad una serie di azioni contro Google per la tutela dei propri giocatori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.