Per l'ambiente

Pulizia della spiaggia di Zinola coi volontari di Sea Shepherd

L'iniziativa è aperta a tutti e si terrà il 9 marzo dalle 9,30 alle 13: il Comune di Savona fornirà i sacchi per raccogliere i rifiuti

sea shepherd

Savona. Una mattinata dedicata a ripulire la spiaggia di Zinola a Savona dai rifiuti portati a riva con le recenti mareggiate. L’appuntamento è per sabato 9 marzo con l’iniziativa organizzata dai volontari di Sea Shepherd in collaborazione e con il patrocinio del Comune di Savona.

Chiunque vorrà partecipare potrà presentarsi alle 9,30 nel parcheggio di via Brilla, accanto al palazzetto dello sport di Zinola da dove i volontari partiranno per puliranno (fino alle ore 13 circa) una parte del litorale di Savona dai rifiuti, in particolare dalla plastica.

I partecipanti sono invitati a portarsi guanti da lavoro, mentre i sacchi saranno forniti dal Comune di Savona. Per informzioni è possibile scrivere alla mail: liguria@seashepherd.it.

“Fondata nel 1977 dal Capitano Paul Watson, Sea Shepherd è la più attiva e agguerrita Organizzazione per la tutela degli Oceani e della fauna marina. La flotta di Sea Shepherd è composta da tredici navi con a bordo equipaggi di volontari provenienti da tutto il mondo, disposti a rischiare la propria vita per la causa. Sea Shepherd non protesta, ma agisce utilizzando tattiche di azione diretta per investigare, documentare e impedire le attività illegali ai danni degli Oceani. Tra le numerose campagne portate avanti in 40 anni di storia ricordiamo quelle in Canada contro il massacro delle foche, nelle isole Faroe, protettorato danese, contro la mattanza di globicefali e altri delfini, e in Mediterraneo contro la pesca illegale” spiegano dall’organizzazione ambientalista.

“Sea Shepherd esiste e porta avanti le proprie campagne grazie alla volontà e al supporto dei singoli individui (volontari e sostenitori). Visitate il sito e la pagina facebook di Sea Shepherd Italia per restare aggiornati sulle campagne e per sapere come aiutare a mantenere la nostra flotta in mare” concludono dall’associazione.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.