IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’europarlamentare Lara Comi (Fi) ad Albenga: si lavora al “Polo delle eccellenze ingaune” fotogallery

Al centro dell'incontro con gli albenganesi il binomio costituito da turismo e agricoltura

Albenga. Il villino ex 25 Aprile come “Polo delle eccellenze ingaune”. E’ questo il progetto che il centro-destra di Albenga ha voluto presentare a Lara Comi, europarlamentare di Forza Italia che questa mattina si è recata nella città delle Torri per un aperitivo con gli albenganesi al Cianghe Point di via Carloforte. Insieme a lei il consigliere regionale di Forza Italia Angelo Vaccarezza e il candidato sindaco del centrodestra ad Albenga Gerolamo Calleri.

“Con l’europarlamentare e amica Lara Comi – ha spiegato il consigliere forzista Eraldo Ciangherotti – vogliamo palare di turismo e agricoltura, un binomio che, se messo a sistema, potrà essere una delle chiavi dello sviluppo economico e sociale della città grazie alle sue eccellenze”.

“A Lara Comi chiederemo, come centrodestra, un aiuto per ottenere fondi europei per poter mettere a norma il villino ex XXV Aprile e farlo diventare il centro pulsante della valorizzazione delle eccellenze albenganesi”.

Lara Comi ad Albenga

“Presenteremo già una bozza su cosa potrebbe diventare la struttura se adeguatamente ristrutturata e gestita. Un progetto che consideriamo fondamentale per lo sviluppo della città e delle sue aziende”, ha concluso Ciangherotti.

Gerolamo Calleri, candidato sindaco ad Albenga, a margine dell’incontro ha detto: “Il nostro sogno è portare ad Albenga le facoltà universitaria di agraria e beni culturali. Oggi ho sottoposto a Lara Comi una richiesta che porterò a tutti gli eurodeputati degli schieramenti della nostra coalizione, quella di aiutarci a individuare e recuperare fondi per poter portare due sedi distaccate di facoltà universitarie sul nostro territorio, per il rilancio e il consolidamento di settori chiave come l’agricoltura e la cultura”.

“A seguito della chiusura delle caserme, il territorio ha perso un indotto di giovani e di lavoro, questa potrebbe essere una valida alternativa. Siamo consapevoli che non sarà facile: da parte nostra, ci sarà tutto l’impegno per raggiungere questo obiettivo, ma ci servirà l’aiuto e la partecipazione di altre realtà regionali, nazionali ed europee per dare vita a un sogno che cambierebbe il volto della nostra città”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Valentina Parodi

    Chissà che bel villino che hanno!

  2. Scritto da Valentina Parodi

    Magari Zanelli non dire tutto alla mamma,sta ancora a Tropea?

  3. Scritto da Valentina Parodi

    Era il caso che Salvini si separasse dalla Le Pen,se non altro per un’immagine dell’Unione europea che corrisponda alla realtà,a proposito del candidato Sindaco di Pietra Ligure Zanelli(da notare che anche la Comi ha cambiato cittadina,se la scorsa volta è venuta a Pietra Ligure).Come si dice ai ragazzi che escono il sabato sera,alla sera leoni e al mattino?Non siamo tutti uguali perfino per questo dettaglio!Vero?