IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Pirates si impongono alla distanza sui Blitz fotogallery

Così come all'andata, vince la squadra dell'head coach Alfredo Giuso contro un'avversaria giovane ma determinata

Albisola Superiore. Le partite di football non hanno mai gli esiti scontati, soprattutto quando di fronte si trovano due team ben allenati e con tanto entusiasmo.

I Pirates avevano già sofferto la carica dei gialloblù la domenica precedente ed anche questa volta i ragazzini terribili piemontesi hanno provato a sorprenderli.

La partita è stata avvincente e i due team non si sono risparmiati, ma alla distanza è venuta fuori la migliore condizione fisica dei Pirates e la loro superiore stazza fisica.

Una pessima giornata della crew arbitrale, con una eccessiva fiscalità nelle chiamate dei falli, ha in parte condizionato le due squadre, spezzettando molto il gioco con oltre 260 yds di falli totali e con tre segnature annullate ai Pirates, deludendo cosi il buon pubblico accorso sugli spalti.

Primo drive gialloblù che si conclude con un buon punt. Peggio fa la offense ligure. Punt controvento dalle proprie 10 yds, che toccando terra rimbalza all’indietro favorendo una ripartenza dei piemontesi nelle 20 yds liguri. Primo gioco ed è subito un td pass di Naretto che trova Dellarole. La trasformazione è bloccata. Pirates 0 Blitz 6.

I Pirates non tremano davanti ai fulmini piemontesi. Drive lungo con quattro primi down ed è subito pareggio con il #1 Federico Burato che trova #81 Giulio Prosetti in end zone. Conversione da due punti sempre di Burato per il #2 Stefano Raffaelli. Pirates 8 Blitz 6.

La D ligure fa buona guardia. Palla nuovamente in mano alla offense pirata. Ancora un ottimo drive che si chiude in meta con un pass di #1 Burato per il #46 Riccardo Tosi. Conversione viene fermata. Pirates 14 Blitz 6.

Timida reazione dei piemontesi che tra falli e buone giocate riescono ad arrivare nelle 30 yds liguri. Qui due falli consecutivi fischiati contro la difesa ligure annullano i due intercetti consecutivi di #2 Stefano Raffaelli. I piemontesi sono sull’uscio dei Pirates ed entrano con Naretto. La conversione da due punti completa l’opera ed i piemontesi pareggiano. Pirates 14 Blitz 14.

Secondo tempo. Inizia lo show dei Pirates. I liguri partono a testa bassa pronti a scaricare le loro bordate. Ed è subito la difesa ligure, “The Black Wall” che, con il suo uomo di punta, il #47 Matteo Bruno, porta avanti i suoi, ritornando l’intercetto in end zone con una corsa di 70 yds. La conversione da due di #46 Riccardo Tosi è buona. Pirates 22 Blitz 14.

I giovani piemontesi non mollano e cercano la via della meta con dei buoni drive. Ma ancora una volta, un intercetto, questa volta del #9 Patrick Bazzano, gli sbarra la strada. Palla alla offense ligure che, ripartendo dalle proprie 2 yds (!), percorre tutto il campo. Ed è il #1 Federico Burato che porta l’ovale in end zone. Buona la conversione da due punti di #44 Davide Leoni. Pirates 30 Blitz 14.

I gialloblù provano una timida reazione forzando un 4° down sulle proprie 30 yds, che viene prontamente fermato dalla D pirata. Palla ancora una volta all’attacco biancoblù che con una corsa del #22 Ben Haj Hass viola l’endzone ospite. Raffaelli centra i pali. Pirates 37 Blitz 14. Fine match.

Alfredo Giuso, head coach dei Pirates, commenta. “Onore ai Blitz che hanno messo in campo tanto cuore e voglia di far bene. Giocando in questa maniera, i risultati arriveranno anche se, vederli in campo affrontare avversari superiori senza nessun timore, a testa alta, è già di per sé un ottimo risultato. Detto questo devo ancora una volta fare i complimenti ai miei ragazzi che crescono partita dopo partita. C’è ancora tanto lavoro da fare, ma da come siamo partiti, oltre cinque mesi fa, posso ritenermi soddisfatto. Manca ancora qualche tassello e c’è ancora qualche errore di posizione di troppo. Contro squadre attrezzate ed esperte, come lo saranno i prossimi avversari, sarà un ottimo banco di prova per le nostre ambizioni. Ma solo confrontandosi contro squadre forti si cresce e si migliora“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.