IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale Ligure Viva, successo per l’incontro pubblico su Smart City e realtà aumentata

Il candidato sindaco Maria Gabriella Tripepi: “Un nuovo modello di governance per Finale Ligure”

Finale Ligure. Successo per il convegno organizzato da Finale Ligure Viva su Smart City e realtà aumentata che ha visto protagonista l’ingegner Matteo Mantovani, fondatore e CEO di una azienda del settore, che ha illustrato come le nuove tecnologie possano rendere migliori le nostre citta e come riescano a perfezionare la qualità della vita dei cittadini.

Una Sala Gallesio piena, tanta partecipazione da parte dei finalesi, soprattutto giovani, all’incontro organizzato dal movimento civico, che punta ad un nuovo modello di sviluppo per Finale Ligure, all’insegna di una pianificazione urbanistica innovativa ed eco-sostenibile, una nuova governance del territorio che vuole tradursi in proposte programmatiche sulle ex aree Piaggio e sull’area Ghigliazza, da tempo in cerca di vere soluzioni.

“E’ stato un dibattito molto proficuo e i cittadini sono stati molto interessati a quanto illustrato sulle smart city e la realtà aumentata – ha detto il candidato sindaco Maria Gabriella Tripepi – L’attenzione per l’applicazione delle nuove tecnologie a livello relazionale e di servizi si dovrà tradurre in effetti concreti per la vita dei finalesi”.

“Sento che la gente mi è vicina, mi segue e crede in un reale cambiamento e rinnovamento per la nostra cittadina, con persone nuove, idee nuove e proposte serie e fattibili su mobilità, ambiente ed efficientamento energetico – aggiunge – Realizzo ogni giorno di più che i cittadini di Finale Ligure sono stati spesso sottovalutati. Tra loro grandi patrimoni personali di interesse, competenze e un grandissimo attaccamento alla nostra città”.

“Essere smart city non significa solo avere sensori, app o altri gadget tecnologici, ma utilizzare in modo diverso le risorse pubbliche e private, creando un modello diverso di sviluppo territoriale, con servizi pubblici in grado di mettere in relazione le infrastrutture materiali con le risorse umane e sociali”.

“Dunque un convegno che, nelle nostre intenzioni, doveva cominciare a sensibilizzare i nostri concittadini sulla Smart City visto l’importanza che riveste per noi, nel nostro programma, il futuro delle ex aree Piaggio e Ghigliazza, che presenteremo presto in un incontro pubblico, si è rivelato una cartina tornasole su fatto che stiamo lavorando nella maniera giusta, attraverso la condivisione e l’ascolto anche di temi complessi come questi, con la nostra gente di Finale” conclude il candidato sindaco di Finale Ligure Viva.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.