IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Magazine di IVG.it - La Quinta di Copertina

Due libri per… chi ama l’Irlanda

"La quinta di copertina" è la rubrica per gli appassionati di lettura, ogni venerdì due libri consigliati da "La Compagnia dei Lettori"

Più informazioni su

TITOLO: Paddy Clarke ah ah ah!

AUTORE: Roddy Doyle. È il romanziere che più di ogni altro ha saputo raccontare l’Irlanda dei nostri giorni ed è considerato il capofila della nuova narrativa irlandese. Ha ottenuto uno strepitoso successo internazionale con Paddy Clarke ah ah ah!, vincitore del prestigioso Booker Prize nel 1993. Ha scritto anche libri per ragazzi come Il trattamento Ridarelli, Rover salva il Natale, Le avventure nel frattempo, La gita di mezzanotte.

EDITORE:Guanda

ANNO: 2012 (ultima edizione)

PAGINE: 285

PREZZO: 15,00 Euro

CITAZIONE: “Sapevo un sacco di cose perché non facevo che leggere. Spesso mi mettevo a leggere sotto le coperte, con la pila accesa, e non solo la sera quando andavo a letto; mi sembrava che così la lettura fosse più eccitante, mi sentivo come una spia, col cuore in gola perché correvo il rischio di essere beccato.”

TRAMA: Barrytown 1968. Paddy Clarke ha dieci anni, ama Geronimo, adora accendere fuochi, odia gli zoo, i baci, la scuola e non sopporta il suo fratellino. Paddy e Kevin, il suo migliore amico, costruiscono capanne, suonano i campanelli per scherzo, ma sanno che con una buona confessione il posto in Paradiso è assicurato. Ma Paddy è confuso: vorrebbe che la mamma e il papà smettessero di litigare e non capisce perché per essere amici di qualcuno bisogna odiare qualcun altro.

OPINIONE: Il libro sembra essere stato scritto realmente da un bambino irlandese che proviene dagli anni Sessanta, ciò che del romanzo rimane impresso è soprattutto il linguaggio utilizzato dallo scrittore. Paddy, il protagonista è un personaggio semplicemente adorabile, impossibile da dimenticare. È un viaggio in un’epoca ormai lontana in cui i bambini giocavano all’aperto e rischiavano la vita con leggerezza. Il romanzo non è diviso in capitoli e non segue l’ordine cronologico degli eventi.

TITOLO: Gente di Dublino

AUTORE: James Joyce. Dublinese, è uno dei maggiori scrittori del ventesimo secolo. Con le sue opere, tra le quali Gente di DublinoRitratto dell’artista da giovaneUlisse Finnegans Wake, ha rivoluzionato il corso della letteratura contemporanea.

EDITORE: Feltrinelli

ANNO: 2013

PAGINE: 272

PREZZO: 8,50 euro

CITAZIONE: “Pensava alla vita e (come gli succedeva sempre pensando alla vita) divenne triste. Si sentì preda d’una dolce malinconia. Sentiva quanto fosse inutile lottare contro il destino e questa era la pesante eredità di saggezza che i secoli gli avevano tramandato”.

TRAMA: Considerati tra i capolavori della letteratura del Novecento, questi quindici racconti – terminati nel 1906 ma pubblicati soltanto nel 1914 perché per la loro audacia e realismo gli editori li rifiutarono – compongono un mosaico unitario che rappresenta le tappe fondamentali della vita umana: l’infanzia, l’adolescenza, la maturità, la vecchiaia, la morte. Fa da cornice a queste vicende la magica capitale d’Irlanda, Dublino, con la sua aria vecchiotta, le birrerie fumose, il vento freddo che spazza le strade, i suoi bizzarri abitanti. Una città che, agli occhi e al cuore di Joyce, è in po’ il precipitato di tutte le città occidentali del nostro secolo.

OPINIONE: Con Gente di Dublino Joyce vuole raccontare la caduta dei valori morali, legati alla religione, alla politica e alla cultura di Dublino. Nei quindici racconti tutti gli abitanti di Dublino sono “spiritualmente deboli”, hanno paura degli altri abitanti e sono in qualche modo schiavi della loro cultura, della loro vita familiare e politica ma soprattutto della loro vita religiosa. Joyce utilizza il termine “paralisi” per descrivere la loro condizione di debolezza. Joyce nè assume il ruolo di educatore morale e nè offre le istruzioni per uscire da questa situazione, semplicemente racconta l’impossibilità di uscire da questa condizione di “paralisi”. Nei racconti ci sono moltissimi riferimenti alla cultura irlandese fatta di riti, usi, canzoni e superstizioni.

La Compagnia dei Lettori è un gruppo nato allo scopo di leggere e parlare di libri condividendo emozioni e riflessioni scaturite da una passione comune. Si riunisce ogni primo martedì del mese alla Feltrinelli di Savona.
“La quinta di copertina” è la rubrica per gli appassionati di lettura, ogni venerdì due libri consigliati da “La Compagnia dei Lettori”: clicca qui per leggere tutti gli articoli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.