Storia e memoria

Battaglie del 1795, mostra a Finale Ligure con gli ultimi discendenti di Napoleone e dell’ammiraglio Nelson fotogallery

Inaugurazione il 30 marzo all'Oratorio dè Disciplinanti di Finalborgo

battaglie 1795

Finale Ligure. Ci saranno anche gli ultimi discendenti diretti di Napoleone Bonaparte, Charles Bonaparte, e dell’ammiraglio Lord Nelson, Lilly Style, a Finale Ligure in occasione della mostra “Periscano tutti i tiranni. L’Europa in guerra nel ponente ligure nel 1795”, che inaugurerà sabato 30 marzo all’Oratorio dè Disciplinanti di Finalborgo.

La mostra è stata realizzata dall’Associazione 1795, con il patrocinio del Comune di Finale Ligure, Comune di Calice Ligure, Comune di Orco-Feglino, Comune di Rialto, Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Liguria, National Geographic, Marina Militare e Società Savonese di Storia Patria.

Proprio la storica rivista National Geographic aveva realizzato lo scorso anno un servizio ad hoc sull’evento, che ripercorre due grandissime battaglie del 1795. Il periodo storico della battaglia di Loano verrà rappresentato con cimeli provenienti da una collezione privata e saranno esposti grazie alla concessione del legittimo proprietario Alessandro Garulla. Saranno esposti oltre a artefatti del periodo moltissime testimonianze scritte originali che racconta no gli eventi del periodo specifico.

Per quanto riguarda la Battaglia di Capo Noli, verrà dedicata una sala apposita che racconterà la scoperta di un relitto risalente alla Battaglia di Capo Noli e della sua storia. Tutti i reperti, in questo caso, provengono dall’attività di scavo condotta dalla Sopraintendenza ai Beni Culturali Liguri con la collaborazione della Marina Militare che ha effettuato una attività di scavo in saturazione.

Le due battaglie: una navale fra l’intera flotta inglese del Mediterraneo e la flotta rivoluzionaria francese, che segna la prima vera vittoria in mare del capitano Horatio Nelson, illustrata dalle due immagini, ed una enorme controffensiva di terra, passata alla storia come battaglia di Loano, primo nome sull’arco di trionfo a Parigi, che proprio sui monti finalesi vedrà il suo epilogo, aprendo le porte dell’Italia alcuni mesi dopo ad un giovane generale, Napoleone Bonaparte. E Horatio Nelson sarà l’ammiraglio che sconfiggerà Napoleone a Trafalgar: all’interno dell’esposizione si potrà capire come il giovane comandante Nelson si farà valere tra le fila della Marina Inglese nelle battaglie del 1795.

Foto, testimonianze, reperti, presenti sia sui fondali marini antistanti a Finale Ligure quanto nelle zone dell’entroterra che vide protagonista l’esercito francese in avanzata.

In queste due battaglie muove i suoi passi il fior fiore di quella che diventerà negli anni successivi l’élite militare e politica dei rispettivi eserciti contendenti e che dominerà la scena europea per vent’anni in una serie interminabile di guerre dove moriranno milioni di uomini.

Una ricchezza incredibile di testimonianze tuttora visibili, sia nei fondali marini antistanti Finale, sia nelle trincee. Non esistono siti di battaglie napoleoniche in Europa che conservino una così grande ricchezza di tracce, certificazioni dei cruenti scontri.

Oltre alle fotografie realizzate da National Geographic durante il 2018 in mare ed in terra nel Finale, saranno in mostra i reperti portati in superficie dai subacquei della Global Underwater Explorer e dai palombari della Marina Militare duranti i recenti scavi archeologici sul sito della battaglia di capo Noli.

La mostra sarà poi arricchita da collezioni private e altro materiale da musei italiani.

leggi anche
Battaglie del 1795
Per la prima volta
Gli ultimi discendenti di Napoleone Bonaparte, Horatio Nelson e Francesco Caracciolo alla mostra di Finale Ligure
subacquei
Attività
Subacquei della Marina ancora a caccia di “tesori” napoleonici nascosti nelle acque finalesi

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.