IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alessio Fracchia, il piccolo Alberto Tomba della Liguria foto

Il dodicenne albisolese vanta dagli esordi il primo posto in Liguria e ottimi risultati a livello nazionale

Albisola Superiore. Classe 2007, ma è già una promessa dello sci savonese. Alessio Fracchia dello Sci Club Valbormida dal 2018 fa parte del team Ski Race Vitalini, una delle squadre più prestigiose dello sci giovanile, fondata dal campione del mondo Pietro Vitalini.

Alessio inizia la sua esperienza nell’agonismo all’età di appena 6 anni e fin da subito dimostra le sue qualità, primeggiando anno dopo anno in tutte le competizioni liguri.

Anche questa stagione una soddisfazione dopo l’altra. Lo scorso sabato, infatti, Alessio si conferma campione di sci alpino nella categoria Cuccioli maschile al “Trofeo Carpani” Fisi Liguria. Nove ottime prove per il giovane albisolese che nell’ultima gara non delude le aspettative, aggiudicandosi la vetta della classifica con ben 77 centesimi in meno rispetto al secondo Giacomo Baldo.

La sua passione, costanza e dedizione lo portano anche a gareggiare a livello nazionale. Nella stagione 2017/18, ventiquattresimo assoluto di categoria alle finale nazionali del Trofeo Pinocchio, a cui parteciperà anche il prossimo primo aprile come unico rappresentante della Liguria per la categoria Cuccioli.

“Seguiamo Alessio da ormai cinque anni, nel suo percorso di crescita ha dimostrato talento e continua voglia di migliorare – spiega l’allenatore Luca Ferraiuolo – È un ragazzo solare, esuberante, ha una voglia incredibile di sciare, la sua è una passione innata, a volte è quasi difficile riuscire a fermarlo”.

Per noi è un piacere lavorare con lui, è un piccolo atleta che ci ha reso sempre orgogliosi. Alessio come altri 5 ragazzi dello Sci Club Valbormida fa parte del team Ski Race Vitalini, uno dei fiori all’occhiello dello sci e ne siamo veramente orgogliosi” commenta Ferraiuolo che continua: “Lavorando con ragazzi così giovani, il nostro ruolo non è soltanto quello di istruttore, ma anche di educatore, per questo il nostro motto è ‘imparare divertendosi’, cerchiamo sempre di trasmettere la filosofia di ottenere i risultati senza dimenticarsi mai della parte ludica e giocosa dello sport, un aspetto molto importante che anche nei momenti difficili rappresenta la chiave giusta per ripartire”.

alessio fracchia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.