IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Una Cairese travolgente conserva il primo posto. Colpaccio Vado risultati

I gialloblù stendono il Molassana con una cinquina. Rossobblù che espugnano Ventimiglia e tornano in corsa

Turno numero 19 per l’Eccellenza ligure, uno dei più avvincenti degli ultimi anni che vive anche di vicende extra – campo con la Rivarolese che vive ore di attesa per sapere se il giudice sportivo omologherà oppure no la vittoria di domenica scorsa sulla Sammargheritese che ha presentato ricorso per una mancata espulsione di Ymeri dopo due gialli. Va detto che quello presentato dai levantini è un reclamo e non un ricorso, perciò gli avvoltoi non dovrebbero correre pericoli. 

La Rivarolese d’altra parte è tranquilla al punto che Ymeri era in campo a Finale in un match molto importante e si rivela subito decisivo salvando un tiro a botta sicura di Vittori sulla linea della propria porta. I finalesi non riescono a concretizzare la grande massa di gioco e al 35° vengono colpiti in contropiede con Romei che si beve Massa e la piazza nell’angolino. Sarà decisivo per la Rivarolese che conferma il primo posto, ma dovrà fare a meno di Mura nel prossimo impegno, espulso nel finale.

Se la squadra giallorossonera passa con il minimo scarto, la Cairese risponde con una goleada al malcapitato Molassana che non riesce assolutamente a far valere il fattore campo. Genovesi in piena lotta salvezza, ma i punti fondamentali non possono arrivare da uno scontro impari come quello con i valligiani che trovano il gol del vantaggio al 16° con il “solito” Alessi di testa. La reazione genovese sta tutta in un tiro non troppo convinto di Falsini, mentre i gialloblù cercano di chiudere la partita quanto prima. 

Al 40° arriva il gol della sicurezza con Figone che permette ai cairesi di andare al secondo tempo avanti due reti. Dopo un inizio all’attacco, il Molassana evidenzia i limiti che la stanno relegando nei bassifondi della competizione ed al 68° Figone trova la doppietta. Da qui la gara rallenta e la Cairese amministra senza problemi. Con orgoglio i rossoazzurri accorciano all’88° con un’incornata di Costa, entrato nel secondo tempo e fra i migliori dei suoi. Ma dall’altra parte intanto era entrato Saviozzi che aveva voglia di marcare visita, operazione riuscita al 94°. Passa un minuto e Facello mette la ciliegina con il tiro dal limite che completa l’1-5.

Con il Finale ko, il Pietra Ligure aveva l’occasione di riproporsi fra le prime, ma con l’Imperia l’esame non è superato e i nerazzurri invece ne escono sicuramente rafforzati, restando a -1 dalle prime due. Decisivo il gol di Mella ben servito da Faedo al 25°, ma merito agli imperiesi di essere estremamente organizzati anche dopo il rosso al 38° inflitto a Fazio per doppio giallo. Pietra che resta fuori dai playoff obbiettivo che sembra sempre più lontano.

Ancora una volta Ilardo è decisivo per le sorti della Genova Calcio che espugna il “Broccardi” di Santa Margherita con un gol che abbina astuzia, tempismo e freddezza dopo appena 5’. I levantini quindi subiscono il secondo ko consecutivo dopo un mese molto difficile in cui gli arancioblù hanno affrontato alcune delle meglio attrezzate del torneo. Fra queste c’è il Vado battuto dalla Sammargheritese, ma che forse proprio da quel ko ha trovato un’inversione di tendenza. A Ventimiglia tornano i 3 punti che valgono il sorpasso sui cugini di Finale e l’allungo sul Pietra.

Avvio subito forte fra granata e rossoblù. Due rigori in 3’ animano la contesa con Donaggio che firma lo 0-1 al 16° e Daddi che replica al 19°. Si va poi alla ripresa dopo un periodo di stasi ed è Puddu che trova il varco utile per riportare in avanti i valdesi. All’80° Eugeni pareggia ancora e sembra che la partita sia inevitabilmente destinata alla X in schedina, ma allo scadere esce la qualità di Capra che piazza la zampata decisiva e consegna tre punti pesantissimi al Vado.

Partita vivissima e contesa anche al “Macera” di Rapallo dove arrivava l’Albenga per un derby cromatico fra bianconere. Ruentini per allungare sulla zona playout, ingauni per cercare di avvicinare la salvezza. Gara viva fin dai primi scambi, anche se gli attacchi sembrano poco ispirati. A cambiare la gara è il rigore trasformato da Calcagno al 36°. La reazione dei locali è immediata e al 43° Bertuccelli svetta su corner e pareggia. Nel secondo tempo l’Albenga trova il secondo gol sugli sviluppi di un corner: palla ad Arrigo che la risolve. La gioia ingauna dura, però ancora una volta molto poco perché tre minuti dopo Garrasi impatta ancora. L’Albenga non demorde, però e continua a spingere e finalmente grazie al rigore di Calcagno arriva il 2-3 che si rivelerà il risultato finale.

Dopo un periodo turbolento è un Alassio sprint quello che travolge l’ormai disperato Valdivara ultima in classifica e che non si aiuta a migliorare le cose. Prova ne è l’insensata gomitata di Naclerio su un difensore giallonero che costa il rosso diretto dopo appena 12 minuti. Al 39° prima rete dei locali con un filtrante per Lupo che scatta e in corsa fredda Grippino. Quattro minuti dopo Di Mario dal limite la piazza all’incrocio e arriva il 2-0. Nel secondo tempo la pratica si chiude già al 51° quando Lupo di testa trova il raddoppio su corner. Gara chiusa quindi che gli alassini controllano senza problemi. Al 71° poker di Oxhallari e al 90° c’è gloria anche per Sassari che completa l’opera con il definitivo 5-0.

Infine il Baiardo trova tre punti molto pesanti sul Busalla che viene sorpassato proprio dai neroverdi in classifica. Mattatore di giornata è Venturelli che la sblocca al quarto d’ora con una punizione sotto l’incrocio dei pali. Sette minuti dopo serve un pallone d’oro a Battaglia che non sbaglia togliendo anch’egli le ragnatele. Il Busalla accorcia al 55° con il solito Cotellessa, ma non basta perché nonostante il forcing finale i busallesi non riescono a trovare il pareggio e vengono scalzati dall’ottavo posto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.