IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’Albissola subisce una rete per tempo e si arrende alla Pro Patria risultati

Biancazzurri sotto dopo soli 4 minuti e quasi mai pericolosi

Albissola Marina. I recenti avvenimenti legati all’esclusione del Pro Piacenza e a nuove penalizzazioni hanno portato ad uno stravolgimento della classifica. L’Albissola, alla vigilia della partita odierna, si trovava in sedicesima posizione a più 2 sull’Arzachena, più 4 sul Cuneo e più 6 sulla Lucchese.

I Ceramisti sono scesi in campo a Busto Arsizio, dov’erano ospiti della Pro Patria, squadra che condivide la quinta piazza con la Carrarese. I biancazzurri erano reduci da un buon periodo: nell’ultimo mese sono stati battuti di misura dalla Pro Vercelli senza sfigurare, hanno infilato tre risultati utili conquistando 5 punti e sette giorni fa hanno ceduto all’Arezzo senza demeritare. I bustocchi, invece, vivono fasi alterne e arrivavano dalla sconfitta con il Piacenza.

Oggi l’Albissola ha mostrato qualche passo indietro, complici anche le assenze, cedendo 2 a 0 in una partita nella quale ha saputo rendersi pericolosa pochissime volte. Con una rete per tempo i padroni di casa hanno conquistato l’intera posta in palio.

La cronaca. Ivan Javorcic manda in campo la Pro Patria con un 3-5-2 con Tornaghi; Battistini, Zaro, Lombardoni; Mora, Colombo, Bertoni, Ghioldi, Galli; Santana, Mastroianni.

A disposizione ci sono Mangano, Marcone, Molnar, Parker, Disabato, Le Noci, Gazo, Fietta, Boffelli, Pedone, Sané, Cottarelli.

Claudio Bellucci schiera l’Albissola con il 4-3-3 con Albertoni; Calcagno, Balestreto, Oprut, Oliana; Bezzicchieri, Moretti, Oukhadda; Cais, Martignago, Cisco.

Pronti a subentrare Bambino, Vasoli, Raja, Mahrous, Sibilia, Durante, Bartulovic, Damonte, Russo, Silenzi.

Arbitra Michele Giordano della sezione di Novara, coadiuvato da Marco Carrelli (Campobasso) e Nicola Tinello (Rovigo).

La prima azione della partita porta alla rete della Pro Patria. Al 4° palla in area per Ghioldi che di testa fa da sponda per Colombo: stop di petto e destro potente, imparabile per Albertoni. 1 a 0 per i Tigrotti.

I liguri cercano di farsi avanti, ma un lancio di Moretti per Cais viene intercettato dalla difesa.

Ben più pericolosi i locali: al 9° contropiede dei biancoblù, Santana avanza sulla destra e cerca Galli sul secondo palo, ma il cross è troppo lungo.

All’11° proteste della Pro Patria che chiede un tocco di mano in area, ma l’arbitro lascia correre.

L’Albissola prova a rendersi pericolosa, ma sia i cross che i tentativi di incursione per vie centrali vengono neutralizzati e i Ceramisti non arrivano al tiro.

Al 15° cross dei padroni di casa, al limite riceve Ghildi che conclude: a lato.

Al 17° Balestrero crea scompiglio in area bustocca, ma viene fermato prima del tiro. Al 19° l’Albissola calcia il primo corner della partita, senza risultati.

Al 20° palla da Santana a Mastroianni: conclusione rasoterra da fuori area, Albertoni non ha problemi.

Al 21° cross basso di Cisco dalla destra, Tornaghi esce ed anticipa Cais.

Al 22° Mora va via sulla destra, mette in area un assist rasoterra, la difesa biancazzurra sventa. Poco dopo Mora scodella ancora un pallone in area, ma la retroguardia albissolese non si fa sorprendere.

Al 24° Martignago, oggi capitano dell’Albissola, cerca di farsi spazio sulla sinistra ma viene fermato da Santana.

La partita è vivace, con numerosi cambi di fronte. Pro Patria nuovamente all’attacco al 26°: prima un cross basso di Mastroianni non viene raccolto da nessuno, poi Albertoni fa suo un pallone messo in mezzo da Mora.

Al 27° Martignago riceve palla, stoppa e calcia di destro al volo: alto.

Al 28° gran botta dai venti metri di Ghioldi, Albertoni è chiamato alla respinta.

Al 32° si fa notare Cais: da posizione defilata spara un sinistro insidioso, Tornaghi para in due tempi.

Al 33° la difesa ligure deve allontanare un altro cross basso di Mora dalla destra.

Al 33° Mastroianni guadagna una punizione per la Pro Patria. La calcia Bertoni verso il secondo palo, allontana Balestrero di testa.

Al 34° Santana dal fondo mette in mezzo, Albertoni non trova il pallone in uscita, la sfera giunge sulla testa di Battistini che manda alto. Il numero 4 comunque si trovava in fuorigioco.

Al 36° Moretti trattiene Galli e viene ammonito.

Locali vicini al raddoppio al 38°: Ghioldi avanza sulla sinistra, non viene contrastato e al limite dell’area calcia a rete, trovando la risposta di Albertoni che si rifugia in angolo.

Il gioco resta fermo un paio di minuti a causa di un infortunio a Mora, che poi riprende a giocare.

Al 45° Ceramisti pericolosi: è Balestrero a far partire un destro a giro dal limite dell’area, sfiorando l’incrocio dei pali.

L’arbitro assegna un minuto di recupero, nel quale Moretti calcia una punizione in area: colpo di testa di Balestrero, pallone alto.

L’Albissola termina la prima frazione in attacco, ma non basta: a metà partita la Pro Patria è in vantaggio per 1 a 0.

Nel secondo tempo tornano in campo gli stessi ventidue protagonisti.

La Pro Patria si fa avanti per prima e al 3° guadagna un angolo.

Al 4° Santana riceve palla in area, se la porta sul destro e calcia a rete da distanza ravvicinata: Albertoni si supera e respinge, evitando il raddoppio.

Al 6° Martignago entra in area e, dopo un contrasto con Galli, cade a terra. I liguri protestano, ma l’arbitro ammonisce il numero 10 per simulazione.

Al 10° cross di Oukhadda dalla destra, Bertoni si rifugia in angolo. Palla messa in mezzo, sul secondo palo Martignago va al tiro col sinistro, palla ancora respinta in corner da Bertoni. Dalla bandierina Moretti triva nuovamente Martignago, controllo e destro al volo dal limite: la conclusione difetta nella potenza, Tornaghi blocca. Al 12° risultato ancora sullo 0 a 1.

Al 14° Mastroianni riceve la sfera e dalla destra fa partire un tiro-cross che centra la traversa.

Al 19° i primi cambi tra i Tigrotti: entrano Pedone al posto di Ghioldi e Fietta al posto di Colombo.

Al 21° Zaro ferma irregolarmente Martignago e viene ammonito. La punizione dal lato dell’area viene sprecata dall’Albissola.

Al 23° Bellucci inserisce Damonte al posto di Moretti.

Al 27° Cais si esibisce in una pregevole conclusione al volo di destro che Tornaghi respinge. L’azione, però, era irregolare causa fuorigioco.

Al 30° due cambi nell’Albissola: in campo Silenzi e Russo, escono Cais e Bezziccheri. Nella Pro Patria, al 32°, entrano Parker e Boffelli al posto di Santana e Lombardoni.

Al 34° la Pro Patria raddoppia: Calcagno si lascia sfuggire Mastroianni che si trova a tu per tu con Albertoni e lo trafigge con un piatto destro che si infila nell’angolo lontano.

I biancazzurri non demordono e al 36° vanno vicini al gol. Cross dalla destra di Russo, girata di Silenzi e palla sulla traversa.

Poi, però, torna ad attaccare la Pro Patria. Al 39° un destro dalla distanza di Bertoni termina alto. Poco dopo palla in area per Mastroianni, stop e tiro col destro: alto di un soffio.

Al 41° Disabato sostituisce Bertoni.

Al 42° Russo calcia un corner dalla destra, palla deviata, la riceve Martignago che conclude al volo: respinge un difensore.

Sono tre i minuti di extratime. Nel recupero l’unico tentativo è di Mora, senza pretese. L’Albissola non sa più rendersi pericolosa e si deve rassegnare alla sconfitta per 2 a 0.

I Ceramisti restano in sedicesima posizione ma vedono avvicinarsi Arzachena e Cuneo, che hanno pareggiato nello scontro diretto.

Nel prossimo turno, sabato 2 marzo alle ore 14,30, affronteranno la Carrarese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.