IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scherma a Monturbano: il savonese Baldi a un passo dal podio nella spada foto

Il fiorettista del Circolo scherma savona si difende bene anche nell'altra arma: settima piazza e un posto nelle gare nazionali

Savona. Una ventata di scherma al palazzetto Giorgio Faldini di via Mentana 9 a Savona. Le migliori lame liguri nella specialità della spada si sono sfidate nel Centro polisportivo di Monturbano, intrecciando le spade in duelli alle volte anche esaltanti. Andrea Blasi, valente fiorettista savonese, ha preso le spade in mano e si è qualificato per la finalissima dei migliori otto, classificandosi 7°, ma dopo aver battuto per l’accesso alla finale il numero 1 del ranking della gara, a seguito di un assalto combattuto con vigore e determinazione.

Andrea così stacca il pass per la seconda prova di qualificazione nazionale. “Ho voluto provarmi in un’altra arma per puro divertimento e per dimostrare che comunque, con una buona tecnica di partenza, si possono raggiungere risultati anche nella altre armi”, riferisce il giovane schermitore savonese: “Continuare a tirare di scherma è per me motivo di soddisfazione e di insegnamento anche ai più giovani”.

I maestri Federico e Fabrizio Santoro commentano così le prove degli schermitori savonesi: “Queste sono gare complicate, aperte a tutte le età oltre i 14 anni. Non è facile emergere in mezzo all’esperienza degli sportivi più scafati. Andrea ha voluto cimentarsi in un’arma non sua, con cui prova 2-3 volte all’anno, e ha dimostrato le sue eccellenti basi schermistiche. Ci aspettavamo anche qualche risultato migliore dagli altri partecipanti, ma siamo comunque soddisfatti”. Nella stessa gara cadono alle porte della finale Luca Maretti, anch’egli all’esordio nella disciplina, e Roberto Pescio, mentre nelle prime fasi cedono Alex Patrone e Stefano Satta. Nella spada femminile cade alle porte della finale a otto Agnese Corsinovi.

Al vincitore della spada maschile, il genovese Francesco Mochi della sala di scherma Pompilio, è stato consegnato il trofeo Arnaldo Santoro, per ricordare una delle figure di rilievo nella scherma savonese, padre dei maestri Fabrizio e Federico, mentre alla vincitrice della spada femminile, Martina Maggio del Club Scherma Rapallo, è stato consegnato da parte dei figli Marta e Silvio il trofeo Angelo De Ambroggi, grande sportivo savonese della scherma e già segretario generale dell’hockey. Altri premi hanno riguardato Franco Botta, Adelio Morandotti, dirigenti sportivi della scherma, e Antonio Ascione, primo maestro del Circolo scherma Savona.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.