IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona ed il gioco d’azzardo: cala la passione per le slot machine

Più informazioni su

Mentre la Regione sta lavorando per riprogrammare i limiti di orario del funzionamento degli apparecchi di gioco presenti sul territorio, diversi istituti ed enti di ricerca hanno pubblicati dati relativi al fenomeno dell’azzardo nel nostro Paese, con indicazioni dettagliate rispetto sia al quadro nazionale che all’andamento della raccolta a livello locale.

Secondo i recentissimi dati di Eurispes, nel 2017 la raccolta dei giochi è stata di 101,8 miliardi di euro. Nel 2008, cioè prima che diventassero legali i casinò a distanza, come ad esempio LeoVegas casino, la raccolta del settore era stata di 47,5 miliardi di euro, quindi il settore è quasi raddoppiato in meno di 10 anni.

A livello nazionale, sono 3 su 10 (28,2%) gli italiani che affermano di aver partecipato a qualche forma di gioco con vincita in denaro, con motivazioni che vanno dalla speranza di poter conquistare qualche grossa vincita in denaro, all’intrattenimento, al gioco per tradizione familiare. Eurispes indica il Gratta e Vinci come il gioco più diffuso in assoluto, seguito da Lotto e Superenalotto, Lotterie, Scommesse sportive e poi casinò e ippica, dati che si collegato con il fatto che la maggior parte degli italiani preferisce giocare dal vivo, mentre il 7,9% dichiara di divertirsi sia offline che online e solo il 2% indica di giocare solo su internet.

In termini di rischio di dipendenza, il campione individua le slot machine come la forma di gioco che rappresenta il maggior pericolo per lo sviluppo di forme di dipendenza, mentre il bingo, ad esempio, viene considerato più sicuro.

Queste sono solo alcune delle informazioni che sono emerse dal Rapporto Italia 2019, stilato dal noto istituto di ricerca, e ci permettono di avere un’immagine complessiva del fenomeno; tuttavia, per avere informazioni relative ad una dimensione locale, risulta più utile attingere ai dati forniti da Visual Lab che, per il secondo anno consecutivo, offre un’indagine sulla spesa degli italiani nelle slot e nei giochi di Stato. Da questo monitoraggio, emerge che nel comune di Savona, la passione per le slot machine sia in lento calo, un fenomeno coerente con il calo registrato anche a livello regionale. Le giocate pro-capite, in apparecchi AWP e VTL, sono passate da 776€ nel 2016 a 746€, dato che è andato di pari passo con una riduzione del numero di apparecchi, passati da 475 a 395. Anche se in lento calo, le slot rimangono la grande passione dei savonesi, seguite poi dalle lotterie istantanee, dal Lotto, le scommesse sportive a quota fissa, le scommesse virtuali ed il Superenalotto. Considerando tutti i giochi nel loro complesso, la spesa di ogni cittadino del comune ha raggiunto quota 70,03 milioni di euro mentre le vincite complessive ammontano a 52,81 milioni di euro.

Purtroppo, il rapporto di Visual Lab non include analisi territoriali in merito alla diffusione del gioco online, che comunque sappiamo sta crescendo rapidamente. Ormai 1 italiano su 10 gioca su internet e sono soprattutto gli utenti nella fascia d’età tra i 18 ed i 34 anni quelli che affiancano alle forme di intrattenimento più tradizionale, anche quelle a distanza. Il successo dei siti di gioco è determinato in parte dalla facilità di accesso, che avviene sempre più spesso via cellulare, sia dalla presenza di giri gratis per casino online senza deposito, che permettono agli utenti di giocare per un certo periodo di tempo senza spendere denaro.

In rapporto alla costante crescita del mercato del gioco, è interessante rilevare quale sia l’atteggiamento degli italiani rispetto alla pubblicità dello stesso. Secondo Eurispes, il 35,4% degli intervistati non trova giusto che lo Stato promuova il gioco legale, il 26,9% è invece a favore mentre un sostanzioso 22,5% non sa valutare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.