IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piaggio Aerospace, arriva la convocazione al Mise: incontro il 26 febbraio fotogallery video

Dopo il pressing di Rsu e sindacati convocato il tavolo ministeriale

Villanova d’Albenga. Dopo le richieste delle organizzazioni sindacali e istituzioni locali è finalmente arrivata la convocazione per l’atteso vertice sulla Piaggio Aerospace presso il Ministero dello Sviluppo Economico: l’atteso incontro si terrà martedì 26 febbraio, alle ore 10:00.

Al tavolo ministeriale saranno presente il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, le organizzazioni sindacali di categoria e segreterie sindacali, oltre al commissario straordinario Vincenzo Nicastro impegnato nel difficile piano di risanamento dell’azienda aeronautica dopo l’avvio della procedura di amministrazione straordinaria.

Sui ritardi rispetto alla convocazione dell’incontro, indispensabile per fare il punto della situazione, erano scesi in campo Rsu e sindacati, con le successive reazioni e polemiche politiche sul mancato tavolo al Mise, che ora finalmente è stato convocato.

Le organizzazioni sindacali avevano chiesto la presenza anche del partner Laer H, azienda albenganese dell’indotto primario della Piaggio, con i lavoratori in cassa integrazione: uno degli aspetti finanziari da chiarire sarà proprio i rapporti con l’indotto economico dell’azienda aeronautica, crediti e forniture di varia natura per la ripresa industriale.

Tra le prime risposte attese dal Governo sicuramente il finanziamento sui droni, ancora in una fase di stallo, senza contare la tutela della continuità produttiva ed occupazionale richiesta a più riprese da Rsu e sindacati, con un piano industriale che possa dare spazio a tutte le produzioni presenti, dai motori al settore veivoli.

In primis si dovrà valutare l’approfondimento sulla situazione finanziaria dell’azienda e capire i margini di manovra.

“I lavoratori ed i cassintegrati attendevano questo appuntamento per arrivare ad una positiva svolta della situazione. Hanno voglia e volontà di esprimere il meglio delle loro potenzialità e di rivedere aperta LaerH con i loro ex compagni di lavoro. Anche altri lavoratori delle società di progettazione attendono l’esito delle decisioni sulle commesse, con la speranza viva di riavere prospettive di lavoro” afferma Paola Boetto della Rsu sindacale dello stabilimento di Villanova d’Albenga.

“Ci aspettiamo una risposta esaustiva di scelte per un piano industriale di rilancio per Piaggio. C’è in ballo il futuro di 1200 famiglie di Piaggio, Laer H e indotto. Vogliano capire il finanziamento dei 766 milioni come verranno impiegati e su che tipo di commesse. Commesse tra l’altro indispensabili per evitare la cassa integrazione. Quale ruolo potrà giocare Leonardo nella prospettiva industriale più ampia per il futuro dell’azienda aeronautica” sottolinea Alessandro Vella della Cisl.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.