IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Orco Feglino 2019, il “discorso di fine mandato” del sindaco Barelli: “Lasciamo un paese in ordine e con servizi migliorati”

Il bilancio di un'esperienza “straordinaria, un piacere oltre che un onore"

Orco Feglino. Il potenziamento dei servizi per i cittadini, il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti, i prossimi lavori pubblici e l’Unione dei Comuni del Finalese. Spazia a 360 gradi su cinque anni di lavoro amministrativo il “Discorso di fine mandato” del sindaco di Orco Feglino Roberto Barelli.

Roberto Barelli Orco Feglino

In vista di una sua possibile e quasi probabile ricandidatura, il primo cittadino uscente ha deciso di stilare un bilancio della sua prima esperienza alla guida del Comune alle spalle di Finale Ligure. Un’esperienza “straordinaria, un piacere oltre che un onore. Il mio ruolo di sindaco mi ha dato l’opportunità di incontrare e di conoscere molti cittadini e ciò ha portato un arricchimento personale di cui sono molto felice. Ho molte persone da ringraziare, certamente in amministrazione ma anche fuori dall’amministrazione. Persone che si impegnano nelle associazioni, persone la volontà e disponibilità delle quali mantengono vivo il nostro paese. A loro un grazie sincero”.

Circa il lavoro svolto, Barelli spiega: “Lasciamo un paese in ordine, che nonostante il periodo estremamente difficile per tutte le istituzioni pubbliche (penso alla burocrazia, alle difficoltà economiche e alle tante riforme iniziate e mancate) ha fatto dei passi in avanti. Abbiamo aumentato e, per quanto possibile, migliorato i servizi destinati ai cittadini e alle famiglie. E lo abbiamo fatto tenendo i conti sempre in ordine e rispettando tutte le scadenze, cosa non scontata. Abbiamo traghettato, e bene, la gestione dell’acquedotto da un sistema comunale ad un sistema consortile come ci imponevano le leggi italiane. Abbiamo avviato il sistema di raccolta porta a porta dei rifiuti, che oggi ci permette di avere ottimi risultati in termini di diferenziata, passata da circa il 40 per cento a oltre il 78 per cento, nel pieno rispetto di quelli che sono i parametri imposti dalla legge. Abbiamo traguardato questo risultato attraverso una scelta ben precisa, cioè quella di diventare soci di Finale Ambiente, che è una realtà molto importante del nostro territorio”.

Capitolo lavori pubblici: “Abbiamo già pronto un progetto completo per il nostro campo sportivo – spiega il sindaco – Il primo lotto, che riguarda le mountain bike, è già praticamente in cantiere. Così come abbiamo un progetto per le ex scuole di Orco. Abbiamo lavorato tantissimo, e continuiamo a farlo, per la costruzione di una legge regionale per regolamentare e disciplinare l’utilizzo dei sentieri da parte delle biciclette e di tutti i cittadini, tenendo ben presente sia la valenza turistica che i diritti delle persone”.

Una questione particolarmente sentita è quella della metanizzazione del paese: “In questo ambito sono molto soddisfatto, perché sembra che stiamo andando verso l’ottenimento di questo risultato. Abbiamo dato il via alle pratiche per l’acquisizione dei terreni che ci permetteranno di realizzare la cabina di decompressione e relativo allaccio alla rete”.

Sempre in ambito “energetico”, Orco Feglino sarà “uno dei quattro Comuni della provincia di Savona a realizzare un grande progetto di ammodernamento della rete di pubblica illuminazione, con la sostituzione dei punti luce più vecchi con punti luce a led. Gli interventi partiranno previsti a breve”.

In questi cinque anni si è fatto più forte il legame con i vicini: “Abbiamo istituito l’Unione dei Comuni del Finalese, che nonostante le difficoltà che abbiamo incontrato ci ha permesso di instaurare un rapporto straordinario con il Comune di Finale. Grazie a ciò abbiamo potuto lavorare su tanti servizi per le famiglie, come le scuole od il sociale, ed ottenere benefici per tutti: basti pensare alle tariffe per i parcheggi dei residenti o all’opportunità delle nostre strutture economiche e ricettive di essere inserite nel sistema Finale Ligure, che in determinati ambiti è riconosciuto a livello mondiale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.