IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incontro sui falsi storici delle foibe, Forza Nuova: “L’Anpi non può negare la verità”

Nel mirino finisce un incontro in programma alla SMS Generale savonese

Savona. Forza Nuova all’attacco dell’Anpi savonese sulle foibe. Nel mirino del gruppo di estrema destra finisce l’incontro di oggi organizzato presso la Società Mutuo Soccorso Generale con al centro di falsi storici di Nicoletta Bourbaki, un gruppo di lavoro sul revisionismo storiografico in rete e sulle false notizie a tema storico, nato nel 2012 e che ha già all’attivo diverse inchieste sulle manipolazioni politiche in tema di foibe.
“Scopriamo che l’Anpi di Savona, cosi solerte nel voler negare una tragedia ed un genocidio di massacri delle foibe, unanimemente riconosciuto ormai a livello internazionale, adesso ha sguinzagliato un cosiddetto “gruppo di ricerca sui falsi storici Nicoletta Bourbaki” che non abbiamo il piacere (o viceversa, la sfortuna) di aver mai sentito nominare prima”.

“Questo gruppo di ricerca sui falsi storici Nicoletta Bourbaki, con la complicità della geniale assemblea di “Villapiana Antifascista e Antirazzista”, terrà un incontro in cui, con doti investigative degne del miglior Sherlock Holmes, promette di smascherare quello che, loro e soltanto loro ritengono (non capiamo su quali basi), un falso storico, ovvero l’eccidio dei duecento marò del battaglione “San Marco” di stanza al Giovo e al Sassello, avvenuto sul Monte Manfrei, intorno al 28 aprile del 1945, ad opera dell’eroico capo partigiano del battaglione garibaldino “Melchiorre Vanni”.

“Ci chiediamo, e saremmo curiosi, di ascoltare tale gruppo di ricerca sui falsi storici Nicoletta Bourbaki, per sapere su quali fonti basano il loro diniego di una verità storica, certa e conclamata. Vorremmo sapere tante cose, ma di una cosa siamo certi, ormai la coltre di nobiltà d’animo che circonda i partigiani ed il loro agire si sta sciogliendo come neve al sole e l’ostinato e testardo negazionismo di fronte a fatti incontrovertibili come quelli dell’eccidio di Monte Manfrei e delle responsabilità partigiane di quella strage ne sono la prova lampante”.

“Perciò sappiano l’Anpi di Savona, i suoi sodali ed il novello gruppo di ricerca sui falsi storici Nicoletta Bourbaki dei poveri, che la verità non potrà mai essere ribaltata né truccata: Forza Nuova sarà sempre in prima linea a ricordarvelo, come una spina nel fianco”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ANTONIO MANTERO

    Nessuno, e nemmeno l’Anpi, vuole negare le foibe ed i circa 15.000 uccisi. Come nessuno può negare, nemmeno forza nuova, le atrocità commesse, su centinaia di migliaia di persone, partigiani e civili, da fascisti e nazisti nella guerra in Jugoslavia.