IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Granfondo Città di Loano: ospiti d’onore Claudio Chiappucci ed i fratelli Bonifazio

Tutto pronto per l'attesa gara, che si svolgerà domenica

Loano. Prenderà il via domenica 10 febbraio alle ore 10,30 da via delle Caselle la nona edizione della Granfondo Città di Loano, la gara ciclistica organizzata dal Gruppo Sportivo LoaBikers con il patrocinio ed il contributo dell’assessorato a turismo, cultura e sport del Comune di Loano.

La Granfondo Città di Loano – spiegano il sindaco Luigi Pignocca e l’assessore a turismo, cultura e sport Remo Zaccariaè la gara che apre ufficialmente la stagione granfondistica ligure e quella nazionale: per i corridori ed i loro team, dunque, questa gara è particolarmente importante per saggiare la preparazione invernale. Ciò la rende uno degli appuntamenti più attesi ed apprezzati del nostro calendario. Come da tradizione, il percorso si snoda tra i paesaggi della costa e dell’entroterra ligure e perciò la Granfondo finisce per avere anche una valenza turistica. Nella due giorni di gara, infatti, centinaia di atleti e squadre con i loro allenatori ed accompagnatori soggiorneranno nei nostri alberghi e nelle nostre strutture ricettive, apprezzando le bellezze e le unicità del nostro territorio”.

La Granfondo Città di Loano si disputerà su una distanza di poco più di 107 chilometri con un dislivello di 1.647 metri. I ciclisti partiranno alle 10,30 da via delle Caselle, si immetteranno sulla via Aurelia e si dirigeranno verso Albenga. Una volta raggiunta la città delle Torri, i corridori lasceranno la costa per l’entroterra: toccheranno le frazioni albenganesi di San Fedele e Lusignano e giungeranno quindi a Villanova d’Albenga, Ortovero e Pogli.

Dopo un breve sconfinamento a Ponterotto e Ranzo in provincia di Imperia, i ciclisti giungeranno a Costa Bacelega, dove inizierà la suggestiva “balconata” sulla Valle d’Arroscia che li porterà a toccare Onzo, Vendone, Arnasco e Cenesi. Passato Cisano sul Neva e giunti a Zuccarello, per i ciclisti inizierà la salita fino attraverso Castelvecchio di Rocca Barbena fino al Colle dello Scravaion, il “Gran premio della montagna” della Granfondo Città di Loano coi suoi 814 metri di quota. In seguito gli atleti punteranno verso Bardineto e poi dirigeranno il manubrio verso il Giogo di Toirano. Da lì la discesa da Sella Alzabecchi verso Carpe, Toirano e Boissano. Qui inizierà l’ultima discesa che condurrà fino all’arrivo, ancora in via delle Caselle.

Al termine della gara, il consueto pasta party organizzato dal Gruppo Alpini di Loano. La Granfondo Città di Loano sarà valida anche per l’assegnazione del nono Memorial Laura Pesce, con un riconoscimento speciale che verrà consegnato alla prima donna della fascia W2. Novità di questa edizione è lo spostamento della zona logistica al PalaGarassini.

La nona edizione della Granfondo Città di Loano potrà contare sulla presenza di un ospite d’onore di grande rilievo: si tratta di “El Diablo”, Claudio Chiappucci. Il ciclista varesino, professionista dal dal 1985 al 1998, vanta un palmarés assolutamente invidiabile. Nel suo medagliere si possono contare una Milano-Sanremo, due Giri del Piemonte, tre tappe al Tour de France e una al Giro d’Italia. Indimenticabile la sua vittoria al Tour nella tappa di Sestriere del 18 luglio 1992, dove vinse dopo 200 chilometri di fuga. Un Tour che chiuse al secondo posto dietro ad Indurain.

Chiappucci è un volto noto del mondo granfondistico e ama godersi il percorso con tutti i partecipanti: perciò pedalerà con i corridori nella “pancia” del gruppo e sarà disponibile, come sempre, a raccontare le sue tante avventure. E non mancherà alla cerimonia di premiazione con la sua ben nota simpatia.

Quest’anno ci saranno anche i fratelli Bonifazio, che con i Loabikers hanno un profondo rapporto di amicizia. Saranno presenti in griglia (fuori gara) per pedalare con le centinaia di appassionati cicloamatori che daranno il via alla stagione granfondistica 2019.

Niccolò, classe 1993, dianese, ha un palmarès di tutto rispetto. Professionista dal 2014, velocista, nel suo primo anno di carriera ha vinto la Coppa Agostoni, nel 2015 il Gran Premio di Lugano, nel 2016 una tappa al Tour de Pologne e nel 2018 una tappa al Tour of Croatia a Koprivnica, si è piazzato nono alla classica di Amburgo e ha disputato il Giro d’Italia dove per ben tre volte (Praia a Mare, Imola e Iseo) si è classificato al terzo posto di tappa. Dopo due stagioni tra le fila della Bahrain-Merida, nel 2019 correrà per la formazione francese Direct Énergie.

Leonardo, classe 1991, è il più anziano dei due fratelli. Un ragazzo prodigio, con una passione per la bici che non si è eclissata nel 2009 al primo anno Junior in cui ha appeso la bici al chiodo, ma è rimasta viva, ritornando a bruciare nel 2015 alla Milano Sanremo per amatori. Un 2017 con ben sei vittorie alla Colpack, che non gli hanno tuttavia permesso di passare professionista facendolo migrare in Francia, nel 2018, all’AVC Aix-en-Provence, compagine facente parte del primo scalone del dilettantismo francese. Altro cambio per il 2019, tornando in Italia, con la casacca della Sangemini Trevigiani-MG.K Vis.

Le iscrizioni online si chiuderanno alle 12 di venerdì 8 febbraio. In seguito sarà possibile iscriversi alla manifestazione nelle giornate di sabato 9 febbraio (dalle 15 alle 19) e domenica 10 febbraio (dalle 7,30 alle 10) direttamente sul posto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.