IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale Ligure, il presidente Upa Berlangieri: “Tassa di soggiorno? Resta un balzello, ma almeno i soldi usarli bene”

Le parole del presidente Upa a margine dell'incontro sul turismo finalese

Finale Ligure. “Tassa di soggiorno? Per noi resta un balzello che andava evitato, tuttavia vista la discussione che c’è stata e visto che ormai c’è, è indispensabile che i soldi siano usati al meglio”. La bordata arriva dal presidente provinciale degli albergatori Angelo Berlangieri, stuzzicato sull’imposta al centro di non poche polemiche a Finale Ligure, a margine dell’incontro di questa mattina con i candidati sindaco che si è svolto in una affollata Sala Gallesio.

albergatori tassa di soggiorno

L’Upa e il presidente Berlangieri sono stati da sempre contrari all’introduzione della tassa di soggiorno, conducendo una dura battaglia: “Non è stata affrontata direttamente e di petto perchè quello di stamattina era un incontro di costruzione e proposta, certamente non volevamo aprire scontri di natura politica o altro….” spiega.

“Rimaniamo sempre contrari ad una imposta indiretta, ma se dobbiamo subire questo balzello sia almeno gestito con il minor onere possibile per le imprese turistiche e per la promozione, l’infrastrutturazione e i servizi per il settore turistico”.

“Sicuramente la gestione della tassa di soggiorno è una delle priorità e a questo punto bisogna usarla davvero per creare e rafforzare l’industria turistica finalese, così come delle altre località savonesi” aggiunge.

“Anche sull’utilizzo dei fondi è fondamentale mettere in campo una programmazione strategica, di lungo periodo, in grado di proiettarsi oltre anche la singola amministrazione comunale che dura 5 anni. Mi auguro si possa aprire un ragionamento serio e davvero costruttivo”.

E quanto alle possibili bagarre nei Comitati turistici locali: “Noi come associazione albergatori abbiamo indicato una metodologia chiara, da altre parti i comuni introitano le risorse e poi decidono a loro volta senza alcuna condivisione. Qui almeno un 60% lo decide un Comitato, nel quale sono presenti operatori turistici che possono dire la loro sulle risorse a disposizione: credo che sia un elemento di garanzia e concertazione importate se si vuole davvero parlare di economia turistica e del suo reale futuro”.

“Spero che i meccanismi gestionali e decisionali possano affinarsi e migliorare sempre di più e fornire ulteriori di garanzia e ottimizzazione sui soldi da spendere” conclude Berlangieri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.