IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cairo, gli elettrotecnici del Patetta vincono il Playenergy Enel 2018

Il risultato premia ancora una volta il lavoro del pluripremiato corso di elettrotecnica dell’istituto valbormidese

Cairo Montenotte. Il progetto “Più leggero non basta” realizzato dagli studenti dell’istituto di istruzione superiore “Federico Patetta” di Cairo Montenotte e già vincitore del concorso Green Technologies Award 2018 indetto da Schnieder Electric e Miur ha vinto il concorso PlayEnergy 2018 “Start up your power”.

Il lavoro realizzato dagli studenti della classe quinta di “Elettrotecnica” consiste nella progettazione e realizzazione di un impianto domotico a comandi vocali dotato di intelligenza artificiale per rendere “più leggera” la quotidianità di persone affette da disabilità motorie. Il lavoro è partito ascoltando l’esperienza reale di un compagno di classe affetto da atrofia muscolare spinale e, oltre agli aspetti tecnici, ha ben presto assunto un’indubbia valenza culturale: gli allievi del Patetta sono stati chiamati a confrontarsi con l’affettività, l’espressione dei sentimenti, la sessualità, il quotidiano di una persona disabile nell’ottica di un’uguaglianza effettiva e non di una semplice dichiarazione d’intenti.

Il risultato premia ancora una volta il lavoro del pluripremiato corso di elettrotecnica dell’istituto valbormidese. “A tale risultato – afferma Gaetano Aliberti, docente di Elettrotecnica e responsabile del progetto – si è arrivati con l’efficace attuazione dell’alternanza scuola-lavoro, con metodi didattici innovativi e con il continuo aggiornamento dei programmi, puntando molto sulle tematiche dell’efficientamento energetico, della building automation, dell’automazione e della robotica. Secondo il ‘Future of Jobs Report 2018’, elaborato dal Worl Economic Forum, le figure professionali più richieste dall’industria nei prossimi anni saranno proprio i tecnici di questi settori”.

Riccardo Taverna, lo scrittore milanese curatore del blog “badavoaibadanti.org” e autore del fortunato romanzo “Tutte le fortune” che racconta con humour e ironia la malattia neourodegenerativa di cui il giovane è affetto, ha voluto scrivere una prefazione espressamente dedicata al progetto dell’stituto Patetta, che si conferma una volta di più come la scuola del savonese e del basso Piemonte in cui (dati EduScopio – Fondazione Agnelli di novembre 2018) i diplomati trovano con maggiore facilità e velocità un lavoro in linea con la propria formazione scolastica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.