IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Attivata la convenzione tra l’Università di Genova e l’Ordine degli Architetti per i tirocini professionali

Per tutti i dettagli si rimanda al testo della convenzione e dei suoi allegat

Provincia. Giovedì 31 gennaio è stata attivata la convenzione per i tirocini professionali tra il dipartimento di architettura e design dell’Università di Genova e gli Ordini degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Genova, Imperia, La Spezia e Savona.

Il direttore del dipartimento di architettura e design, e i presidenti degli ordini degli architetti liguri hanno firmato la convenzione per l’attività di tirocinio professionale (ai sensi degli articoli 17 e 18 del decreto del presidente della Repubblica numero 328 del 5 giugno 2001) che permette ai laureati in architettura di svolgere presso Studi professionali e imprese del settore, ma anche presso enti pubblici, un tirocinio professionale tale da sostituire la prova pratica dell’esame di stato per la professione di architetto Ppc presso l’Università di Genova.

Il tirocinio seguirà un piano formativo che sarà redatto dal tirocinante in collaborazione con il responsabile del tirocinante, il quale deve essere un architetto iscritto da almeno cinque anni ad uno degli ordini Appc della Liguria.

Una commissione tirocini, composta in pari numero da membri dell’Ordine e dell’Università, accrediterà i soggetti che si renderanno disponibili a ospitare i tirocinanti e validerà l’effettivo svolgimento dei tirocini. Al termine l’Ordine provinciale competente rilascia l’attestato di Tirocinio professionale valido a uso di legge. Ogni struttura interessata a ospitare tirocinanti dovrà fare domanda di accreditamento presso il relativo Ordine provinciale e comunicherà preventivamente la disponibilità a corrispondere un rimborso spese per i tirocinanti.

Il tirocinio prevede di svolgere 720 ore entro un tempo massimo di 6 mesi rispettando gli obiettivi tracciati nel piano formativo. Al fine di permettere una maggiore flessibilità di apprendimento il tirocinio può essere articolato e suddiviso fino a un massimo di tre diversi periodi presso altrettanti e differenti soggetti. Inoltre è possibile iniziare il tirocinio anche dopo il conseguimento della laurea di primo livello. Chi al momento abbia in corso un tirocinio può chiedere il riconoscimento di tutta o di parte dell’attività svolta presentando domanda e compilando i documenti atti ad avviare il tirocinio professionale, purché tale domanda arrivi all’Ordine competente entro fine marzo 2019.

Per tutti i dettagli si rimanda al testo della convenzione e dei suoi allegati, di cui si raccomanda attenta lettura, pubblicati sul sito dell’Ordine nella sezione “servizi – convenzioni”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.