IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Aborto, bagarre in Consiglio regionale. Le minoranze: “Passa visione medievale del centrodestra”

Ardenti (Lega) replica: "Il centrodestra compatto ha votato a favore dell’autodeterminazione della donna"

Liguria. “Ancora una volta la maggioranza di centrodestra ha perso un’occasione: invece di discutere seriamente e con equilibrio di una legge importante come la 194, che coinvolge le coscienze dei cittadini e va attuata in tutte le sue parti, ha preferito portare avanti la solita propaganda contro i diritti delle donne, esprimendo una visione degna del più oscuro medioevo”. Lo afferma il gruppo Pd in Regione Liguria dopo la discussione di questa mattina.

Con 17 voti a favore (maggioranza di centro destra), 6 contrari (Pd e Gianni Pastorino di Rete a sinistra&liberaMENTE Liguria) e 5 astenuti (Mov5Stelle e Francesco Battistini di Rete a Sinistra&Liberamente Liguria) è stata approvata la mozione, presentata da Matteo Rosso (FdI) e sottoscritta da Andrea Costa (Liguria Popolare) che impegna la giunta ad attuare le azioni riportate nella legge 194 del 1978 e a garantire l’attuazione del principio di autodeterminazione della donna in tutte le sedi così come esplicitato nella legge 194 del 1978 “Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza” .

Il consigliere ha ricordato che la legge è nata con l’obiettivo di eliminare gli aborti clandestini, tutelare e sostenere le donne in difficoltà che non vogliono abortire, coniugando il valore sociale della maternità con la tutela della vita. “In realtà – ha aggiunto – spesso viene disattesa questa finalità della normativa che prevede l’istituzione di consultori per assistere le gestanti attraverso un’informazione completa sui loro diritti e sulle norme che tutelano il lavoro attuando interventi soprattutto quando la maternità crea problemi di natura economica, sociale o familiare”.

Alice Salvatore (Mov5Stelle) ha espresso parere negativo alla mozione e ha illustrato alcuni emendamenti al testo e un ordine del giorno sull’argomento. Giovanni Lunardon (Pd) e Gianni Pastorino (Rete a Sinistra&liberaMENTE Liguria), hanno espresso parere contrario alla mozione e hanno annunciato il ritiro di alcuni emendamenti che avevano presentato.

“Un’idea retriva dei diritti – hanno detto i Dem – che però non appartiene solo al consigliere Rosso, che della mozione è il proponente, ma a tutta la maggioranza ligure di centrodestra che, in aula, ha votato contro il riconoscimento, all’interno del dispositivo, del diritto all’autodeterminazione della donna, che è poi la parte centrale e più importante della 194, contro il potenziamento dei consultori pubblici che della 194 sono uno degli strumenti attuativi più importanti e contro la garanzia del servizio pubblico, minato dall’aumento dei ginecologici obiettori di coscienza, che hanno toccato il 60% del totale”.

“Purtroppo non ci sorprende questo atteggiamento da parte della maggioranza di centrodestra. A Roma il famigerato senatore Pillon propone di abrogare la 194. Qui in Liguria più ipocritamente ne riconoscono solo una parte e poi smontano i consultori. Noi ci opporremo con tutte le nostre forze a questo arretramento rispetto a diritti fondamentali della persone e in particolare delle donne, che consideriamo inviolabili” conclude il gruppo Pd.

Voto contrario da parte del capogruppo di Rete a Sinistra/LiberaMente Liguria Gianni Pastorino, che ha spiegato: “Tutti i dati pubblicati dal ministero della salute dimostrano che l’applicazione della 194/78 abbia funzionato, pur con tutte le difficoltà organizzative che ancora di recente abbiamo denunciato. La mozione presentata dal consigliere Rosso è doppiamente strumentale: perché da un lato mira ad accattivarsi i movimenti “pro-vita”, ma dall’altro non propone nessun intervento strutturale a garanzia dei consultori, delle donne e della maternità. C’è un errore di tecnica normativa: la legge è un unicum che concilia interventi diversi, quindi non si può spacchettare. Come già avvenuto con i nostri emendamenti al piano sociosanitario regionale, anche quest’oggi sono stati rigettati due correttivi importanti che avrebbero consentito di garantire il pieno funzionamento dei consultori pubblici”.

“Sull’interruzione di gravidanza assistiamo a un pericoloso ritorno all’antico: una retromarcia ideologica che andrebbe a pregiudicare le fasce deboli, minori e donne, inermi di fronte a un potere che si definisce attraverso atti normativi. La maggioranza di centrodestra si appella alla “difesa della vita”, quando si discute di 194/78. Ma è la stessa “difesa della vita” che viene accuratamente trascurata se invece si tratta di migranti”.

“Solo grazie ai nostri ripetuti interventi in aula, nella mozione è stato inserito un passaggio sul principio di autodeterminazione della donna. Ciononostante il testo resta del tutto insufficiente, dal momento che non indica un investimento a favore della rete consultoriale, non garantisce la presenza di medici non obiettori nei presidi ospedalieri liguri, e dunque non definisce la piena e completa applicazione di ciò che prevede la 194/78. A fronte di ciò era impossibile votare a favore”, ha concluso Pastorino.

Questo il pensiero, seguito al voto di astensione, da parte del vicecapogruppo di Rete a Sinistra/LiberaMente Liguria Francesco Battistini: “Se l’obiettivo del documento di Matteo Rosso era quello di accattivarsi i movimenti antiabortisti direi che è ampiamente fallito. Gli emendamenti votati in Consiglio riportano correttamente la mozione nel solco di quanto previsto dalla legge. Non so come farà Matteo Rosso a spiegarlo ai comitati pro-vita ma l’impegnativa della sua mozione è profondamente cambiata rispetto al testo originale”.

“Ciò che è stato votato prevede, infatti, l’inserimento di un punto fondamentale su cui si basa l’impianto della 194/78: la libertà di scelta. È stato approvato, all’unanimità, un emendamento che impegna la Giunta ‘a garantire l’attuazione del principio di autodeterminazione della donna in tutte le sedi così come esplicitato nella Legge 194/78’”.

“Con questa importante modifica si riporta il documento dentro un alveo di discussione adeguato dichiarando esplicitamente quelli che sono gli obiettivi della legge: da un lato la tutela della maternità e dall’altro il diritto della donna a poter decidere liberamente del suo corpo – spiega Battistini –. Con ciò era per me impossibile votare contro. Ho scelto, dunque, l’astensione perché in Consiglio, nonostante i principi della 194/78 siano stati ripristinati, è stata persa un’occasione importante: l’Assessore avrebbe dovuto impegnarsi a finanziare adeguatamente i consultori pubblici e a garantire, negli ospedali, la presenza di medici non obiettori. Tutte richieste che ormai facciamo da tempo, purtroppo inascoltati”, ha concluso.

Paolo Ardenti, vice capogruppo regionale Lega Nord Liguria-Salvini, ha ribattuto: “Si tratta dell’ennesima bufala o ‘fake news’ diffusa dal centrosinistra perché stamane in aula consiliare il centrodestra compatto ha invece votato a favore dell’autodeterminazione della donna, fermo restando il dovuto riconoscimento anche del diritto alla maternità. Altro che ‘idea retriva dei diritti’ come sostenuto dal Pd in modo del tutto fuorviante”.

“I consiglieri del Pd dovrebbero stare più attenti ai lavori in aula e non divulgare comunicati preconfezionati, soprattutto quando i temi affrontati sono così delicati da meritare di non essere ridotti a posizioni ideologiche di un’era fa. Anche se comprendiamo quanto sia difficile per il Pd accettare che il suo tempo è passato”.

“La 194 ha compiuto 40 anni eppure, sentendo le argomentazioni della maggioranza a difesa della mozione di Rosso, sembra di non aver fatto alcun passo in avanti – hanno affermato i consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle, riprendendo quanto dichiarato in Aula a commento della mozione 216 del consigliere Rosso, ritenuta assolutamente imparziale. Dopo un’accesa discussione, la maggioranza ha poi accolto l’emendamento del M5S che riguardava la salvaguardia del principio dell’autodeterminazione della donna. “Così facendo, la mozione si è aperta almeno in parte al principio che tutela i diritti della donna”, è il commento dei consiglieri pentastellati.

“Il testo di questa mozione è deficitario e incompleto. Senza dubbio andavano aggiunti elementi per garantire l’autodeterminazione della donna in tutte le sedi, come è del resto esplicitato dalla 194/78. Abbiamo chiesto dunque che fosse esplicitata, anche all’interno di questa mozione, la piena attuazione di tutte le azioni previste dalla legge: Ovvero, che fossero previste adeguate risorse economiche da parte della Regione per potenziare la rete consultoriale, dotando al contempo tutti i presidi ospedalieri di sufficiente personale medico non obiettore di coscienza. Sono queste le competenze di Regione Liguria in materia di tutela della maternità, della donna e rispetto della 194/78”. Così la capogruppo Alice Salvatore.

“La legge del 20 maggio 1978 ha tra i suoi cardini e pilastri fondamentali l’autodeterminazione della donna” dichiara il consigliere Marco De Ferrari, che aggiunge: “oltre 40 anni dopo, però, le donne incontrano ancora molti ostacoli e il loro diritto di scegliere è tutt’altro che garantito, al punto che in molte Regioni è di fatto negato: vuoi per il dilagare dei Consultori Religiosi, vuoi per il numero abnorme di obiettori di coscienza, vuoi per la scarsa informazione laica e la cronica sottovalutazione della questione psicologica della donna. Donne che raccontano di essersi spesso sentite giudicate, trattate con scarsa umanità e, soprattutto, non informate a sufficienza, in particolare sulle tempistiche che dovrebbero avere bene in mente qualora decidessero per un’interruzione di gravidanza. Donne che spesso si sono trovate un muro di fronte e non di rado la porta chiusa in faccia o dirottate verso strutture private, lasciate sovente sole in quelle aride stanze, che dovrebbero invece essere di accoglienza e dove dovrebbero ricevere, appunto, la corretta informazione. Gli ostacoli si susseguono e, anche volendo far valere i propri diritti, ecco gli eterni tempi di attesa”.

“Il testo della mozione era incompleto e soprattutto anche nell’idea del proponente di adottare tutte le iniziative di salvaguardia della vita come nell’impegnativa mancava la parte pratica di competenza della Regione, in altre parole il potenziamento della rete dei consultori. Che è uno degli emendamenti proposti dal M5S e bocciato dalla maggioranza. Così come hanno respinto l’emendamento sulla garanzia di presenza, nei presidi ospedalieri, di medici non obiettori di coscienza. Fortunatamente è stato accolto l’altro principio cardine della 194, quello dell’autodeterminazione della donna, che per questo ci ha spinto a votare con l’astensione il provvedimento, perché era difficile per noi votare contro un provvedimento che in effetti propone la salvaguardia della vita. Tuttavia, bisogna essere anche concreti e, poiché è Regione ad avere il compito dell’organizzazione sanitaria anche in ambito sociale, era possibile farlo mettendo qualche elemento pratico. Abbiamo raggiunto l’equilibrio con l’autodeterminazione”.

Andrea Melis (Mov5Stelle) ha ribadito le “lacune” della mozione già indicate da Salvatore e la sottolineato la parziale attuazione della legge 194; Gabriele Pisani (Liguria Popolare) ha annunciato di voler riassumere un emendamento presentato da Pastorino e Lunardon (e poi da loro ritirato) che ribadisce nelle premesse della mozione l’autodeterminazione della donna; Luca Garibaldi (Pd) ha criticato il fatto che la mozione sostiene e valorizza solo una parte della legge 194; Matteo Rosso (FdI) ha ribadito il valore fondamentale della vita e ha citato, a questo proposito, alcune recenti dichiarazioni di Papa Francesco; Angelo Vaccarezza (FI) ha sottolineato il rispetto assoluto della vita e la necessità di applicare la legge in tutte le parti, compresa quella sulla tutela della maternità; Francesco Battistini (Rete a Sinistra&Liberamente Liguria) ha criticato il fatto che nell’impegnativa della mozione non è inserito il principio dell’autodeterminazione della donna; Marco De Ferrari (Mov5Stelle) ha dichiarato che la mozione è parziale e che l’applicazione della legge 194, dopo 40 anni, è ancora incompleta e sussistono gli aborti clandestini.

Nel dibattito sulle votazioni degli emendamenti sono intervenuti anche l’assessore alla sanità Sonia Viale, Valter Ferrando (Pd) e Franco Senarega (Lega Nord Liguria –Salvini). Approvato all’unanimità l’emendamento assunto da Pisani. Approvato all’unanimità uno dei tre emendamenti, presentati da Andrea Melis (Mov5Stelle) e sottoscritto da tutto il gruppo, che nell’impegnativa prevede che la giunta garantisca “l’attuazione del principio di autodeterminazione della donna in tutte le sedi così come esplicitato nella legge 194 del 1978”.

In seguito, con 17 voti contrari (maggioranza di centro destra) e 11 favorevoli (minoranza) è stato respinto un ordine del giorno presentato da Alice Salvatore (Mov5Stelle) e sottoscritto dai colleghi del gruppo, da Gianni Pastorino e Francesco Battistini di Rete a Sinistra&Libramente Liguria, Giovanni Lunardon e Luca Garibaldi del Pd, che impegna la giunta a garantire l’attuazione del principio di autodeterminazione della donna in tutte le sedi, così come esplicitato nella legge 194, a dare piena attuazione alle azioni previste all’interno della legge 194 a tutela della maternità responsabile e nel pieno rispetto dell’autodeterminazione della donna.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.