IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Una Savona smart e innovativa: ecco il progetto “Sushi”

Savona scelta assieme ad altre cinque città del Mediterraneo: interventi a favore dell’innovazione con il supporto di una partnership europea

Savona. Questa mattina, presso la Sala Giunta del Comune, il sindaco Ilaria Caprioglio, l’assessore alla cultura e al turismo Doriana Rodino e Lorenza Simonetti hanno presentato una panoramica del progetto “Sushi”. Acronimo di Sustainable Historic City District, il piano promosso dalla partnership europea Climate-KIC interpreta la città di Savona secondo una prospettiva innovativa, smart e sostenibile.

savona smart

A beneficiarie del progetto solo altre cinque città del Mediterraneo: Sassari, Lisbona, Valletta (Malta), Ptuj (Slovenia) e Nicosia (Cipro), le quali, assieme a Savona, saranno protagoniste di un cambiamento di paradigma nel pensare e vedere la città.

Il percorso – nato nel settembre 2018 e che vedrà il suo termine nel 2020 – prevede che il centro storico medievale e ottocentesco venga ridisegnato con idee e soluzioni sostenibili. Nel dettaglio, IRE Liguria, partner diretto di Climate KIC, “offrirà la propria competenza tecnica di settore per la definizione, in modalità partecipata, di progetti in ambiti come la mobilità, l’accessibilità, lo sviluppo dell’economia e del turismo locale, la vivibilità”.

Il progetto sarà suddiviso in tre fasi: una di partecipazione, che vedrà cittadini, associazioni ed enti proporre idee per rigenerare la città; una di approfondimento, “nella quale verranno individuati i principali settori di intervento”; e l’ultima di co-progettazione, che “andrà a costituire la base del piano d’azione per trasformare il centro storico di Savona in chiave smart e sostenibile”.

savona smart

L’assessore alla cultura e al turismo della Giunta Caprioglio considera tale progetto come una “grande occasione, perché rappresenta un cambiamento di paradigma nell’affrontare la città, a livello culturale e non solo”, ma anche un’ottima opportunità per “imparare a conoscere le origini della propria città”.
L’obiettivo principale, sottolineato dal sindaco Caprioglio, è quello di partire “dal cuore della città per poi estendersi negli altri quartieri per rivedere sotto la sostenibilità sia il commercio che il turismo”.

In tutto questo, fondamentale, è la partecipazione attiva della comunità locale. Come ribadisce l’assessore Doriana Rodino, “la fase di ascolto è molto importante”: “Climate-KIC è un programma che finanzierà il processo di partecipazione. Avrà come frutto finale la redazione di uno strumento di programmazione che sarà condiviso con i cittadini e conterrà quelli che sono stati individuati da tutti – non solo dagli addetti ai lavori, ma anche dai cittadini, coloro che vivono, abitano, lavorano a Savona – i progetti più significativi. Questi progetti verranno poi singolarmente candidati su altri canali di finanziamento. Il processo partecipativo avrà avvio mercoledì 30 gennaio”, presso la Sala della Sibilla del Priamar a partire dalle ore 14.30, dove ci sarà un incontro rivolto a tutti, teso a rendere il cittadino informato circa il progetto Sushi, le sue finalità e le modalità di intervento.

savona smart

A seguire altri incontri, dilatati nel tempo a cui parteciperanno anche le scuole e le università, che rappresenteranno una “occasione per sentire quanti progetti stanno andando avanti a Savona, quanti sono partiti”. Nel corso della conferenza indetta il 30 gennaio, ci sarà anche l’intervento di un funzionario di IRE Liguria, che illustrerà brevemente quali iniziative hanno già preso avvio nella città savonese (fronte-mare, piste ciclabili, pavimentazione, riduzione emissioni CO2).

Per concludere, i principali interventi, anticipa Lorenza Simonetti, previsti dal progetto di pianificazione “Sushi” spaziano dalla pedonalizzazione alle piste ciclabili, dalle connessioni internet al verde urbano, fino alla progettazione di nuovi spazi pensati ad hoc per gli anziani; di grande importanza sembrano anche gli interventi circa l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.