IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tonino Sacco, “La strada e gli oratori sono stati la nostra scuola calcio” foto

L'allenatore delle giovanili del Vado si racconta a 360°

Savona. Sono state oltre duecentocinquanta, le reti messe a segno da Tonino Sacco, in una carriera giocata ad alto livello, sui campi infuocati della Serie C, partendo dall’esordio, a sedici anni, in prima squadra col Savona, lanciato da mister Malavasi, per poi proseguire con Sestri Levante, Orvietana, Imperia, Casale, Cairese, Novese, Ceriale e Libarna.

Sacco, da sette anni, si dedica, con passione, competenza e professionalità, alla cura del settore giovanile del Vado, allenando la leva 2006/2007.

Quale è il motivo per cui diventa praticamente impossibile, tagliare il cordone ombelicale, con il mondo del calcio?

“L’attrazione verso questo sport è un qualcosa, che solo chi ha giocato a football può capire… Per quanto mi riguarda, il calcio è la mia vita e lo resterà per sempre. Fin dalla prima infanzia, in Calabria, è stata la strada la mia scuola calcio… Lì, si imparava a lottare, a soffrire, ad essere un unico soggetto coi compagni”.

Quanto è difficile allenare i giovani, oggi?

“I tempi sono cambiati, io credo che a tanti ragazzi manchi la voglia, la passione, la fame, che ci hanno permesso di crescere e diventare uomini, oltre che buoni calciatori”.

Il livello degli allenatori del settore giovanile è migliorato, in questi ultimi anni?

“A livello teorico, senz’altro… ma insegnare il gesto tecnico, curare la crescita umana e sportiva, il saper trasmettere idee sportive, è un’altra cosa. Bisogna che le società si affidino a tecnici, che oltre ad essere competenti, siano, prima di tutto, buoni educatori e che sappiano mettere al primo posto il ragazzo e non il proprio ego”.

Quanto è importante, per un tecnico, essere in continuo aggiornamento?

“Credo che un allenatore, nel calcio moderno, debba avere sempre voglia di apprendere e migliorare, per poi mettere tali conoscenze al servizio dei giocatori che allena”.

Ha, dunque, ragione Zinedine Zidane, quando dice: “Sono tante le cose che ancora non so. Allenare è un mestiere duro, che s’impara con il tempo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.