IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, una rete per tempo e il fanalino di coda Borgaro va al tappeto risultati

I torinesi, tutt'altro che rinunciatari, vengono piegati dai gol di Virdis e Lombardi

Savona. È iniziato il girone di ritorno del campionato di Serie D. Il Savona, terzo in classifica, era ospite del Borgaro Nobis, squadra che pare destinata alla retrocessione in Eccellenza ed è ultima per distacco. Tra le due squadre il divario in graduatoria era di 29 punti ed oggi sono diventati 32. I biancoblù, infatti, si sono imposti per 2 a 0.

La cronaca. Il Borgaro Nobis allenato da Felice Russo si presenta in campo con De Marino, Pagliero, Edalili, Calloni, Callegari Torre, Benassi, Campagna, Del Buono, Pinelli, Montante, De Bonis. Torinesi in campo con il 3-5-2.

A disposizione ci sono Trocano, Grillo, De Simone, Rosso, De Pierro, Alfieri, Specchia, Citterio, Sardo.

Il Savona guidato da Alessandro Grandoni gioca con Fiory, Cambiaso, Grani, Venneri, Miele, Guarco, Piacentini, Degl’Innocenti, Bacigalupo, Lombardi, Virdis. Lo schema è il 4-3-3.

Le riserve sono Gallo, Vittiglio, Bisso, Esposito, Torelli, Kallon, Aretuso, Federico, Tognoni.

Allo stadio Walter Righi di Borgaro Torinese arbitra Dario Duzel della sezione di Castelfranco Veneto, assistito da Giorgio De Lorenzi (Parma) e Nadir Bertozzi (Cesena). Si gioca in una giornata soleggiata. Locali in maglia gialla con inserti blu; liguri con la tradizionale tenuta a striscioni biancoblù.

Al 5° punizione per i locali: Pagliero mette in mezzo, testa di Del Buono, facile la parata di Fiory. All’8° conclusione di Pinelli: nessun problema per Fiory.

Il Savona si fa vivo per la prima volta al 10°: Grani calcia a rete ma manda a lato.

I biancoblù provano ad imprimere qualche accelerazione, ma la squadra di casa difende bene e in maniera ordinata. Sono i locali a far vedere qualcosa in più.

Al 17° calcia Montante, deviato: ne nasce il primo calcio d’angolo del match, per il Borgaro, ma la retroguardia ospite non corre rischi.

Al 21° calcio di punizione per il Savona: Lombardi mette in area, ma troppo sottoporta e De Marino fa suo il pallone. Al 27° prova il tiro Montante: a lato.

Al 32° un lampo del Savona, che sblocca il risultato: Cambiaso si muove bene sul lato corto dell’area e mette in mezzo un ottimo pallone per la testa di Virdis, che nell’area piccola non sbaglia e insacca.

La prima reazione del Borgaro è in un altro tentativo di Montante: fuori misura. Poi, i torinesi crescono e si rendono insidiosi. Al 42° Campagna ha spazio per il tiro e cerca di sorprendere Fiory, che ci arriva e con una mano respinge; poi Grani allontana.

Al 43° conclusione di Pinelli, in piena area, molto pericolosa: Fiory con un grande intervento respinge.

Al 44° Torelli prende il posto di Piacentini: i biancoblù passano al 4-4-2. Il neo entrato, poco dopo, viene ammonito.

Il primo tempo si conclude con il Savona in vantaggio per 1 a 0, dopo 46 minuti nei quali si sono viste pochissime occasioni da rete.

Nel secondo tempo, al 3°, il Savona guadagna il suo primo angolo, complice un rinvio di De Marino che colpisce un compagno rischiando l’autorete. Sugli sviluppi prova il tiro Lombardi, a lato.

Al 9° entra De Pierro al posto di Calloni. Al 12° Lombardi cerca ancora la via della rete, ma la sua conclusione è respinta da un avversario. Viene ammonito il nuovo entrato De Pierro.

Rispetto al primo tempo il copione non cambia: il gioco si sviluppa principalmente a centrocampo, con numerosi errori in fase di impostazione, e i portieri restano inoperosi. Al 16° il Savona ha la possibilità di colpire con una ripartenza, ma non sfrutta l’occasione.

Al 18° Borgaro vicinissimo al pari: Pinelli sfugge alla difesa savonese, salta anche Fiory e calcia a rete ma Cambiaso in extremis riesce a respingere in angolo. Poco dopo Montante, da ottima posizione, colpisce di testa: centrale, para Fiory.

Al 23° cartellino giallo all’indirizzo di Guarco per proteste. Al 25° va al tiro Torelli: a lato. Poco dopo, corner per il Savona: testa di Virdis, fuori di poco.

Poi Venneri si oppone ad un tiro di Pinelli, poi Fiory blocca la sfera.

Al 28° ammonito Edalili. Al 29° un cambio per parte: Alfieri per Montante tra i locali, Federico per Miele tra i biancoblù.

Al 31° conclusione di Virdis: De Marino para a terra.  Sul cambio di fronte Venneri ferma una pericolosa iniziativa dei torinesi.

Al 33° angolo per il Borgaro: la difesa savonese sventa; l’azione prosegue, Pinelli conclude e Fiory respinge. Si continua, Sardo calcia a rete: Bacigalupo devia in angolo.

Al 35° cartellino rosso diretto per Edalili, che colpisce a gioco fermo Degl’Innocenti: Borgaro in dieci.

Al 36° c’è il ritorno in campo di Kallon, che sostituisce Cambiaso.

Il Savona sfrutta subito la superiorità numerica e al 38° raddoppia e chiude i conti: dalla destra Kallon mette in mezzo, palla a Lombardi che con un tiro centrale fredda il portiere e realizza il 2 a 0.

Il Borgaro conclude la partita a testa alta, con un altro tiro, di Pagliero, deviato in angolo da Fiory. Al 42° Tognoni prende il posto di Virdis. Fiory perde tempo e viene ammonito.

Al 45° punizione di Sardo calciata di potenza: alta di poco. Nel primo dei cinque minuti di recupero entra Specchia al posto di Campagna.

Finisce 2 a 0 per il Savona. I 3 punti vanno alla squadra di mister Grandoni, che grazie alla decima vittoria in campionato consolida la terza posizione in classifica, a meno 1 dall’Unione Sanremo e a meno 8 dalla capolista Lecco.

Domenica 13 gennaio il Savona giocherà al Bacigalupo, contro la Pro Dronero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.