IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albissola, ancora una sconfitta di misura: 1 a 0 per la Pro Vercelli risultati

Decisiva una rete di Berra sugli sviluppi di un angolo al 32° del secondo tempo. Nel finale espulso Rossini

Albissola Marina. L’Albissola non sta attraversando un periodo fortunato sul piano dei risultati, al punto che nelle ultime cinque giornate aveva raccolto solamente 2 punti. Al contrario, la Pro Vercelli era in serie positiva da sei giornate, nelle quali aveva conquistato ben 14 punti. Questa la panoramica alla vigilia della partita odierna.

I bianchi puntano al ritorno in Serie B, pertanto il pronostico del match che andava in scena oggi al Piola appariva chiuso. La matricola ligure avrebbe dovuto compiere un’impresa per sovvertirlo. E non ce l’ha fatta: i vercellesi, come all’andata, si sono imposti con una rete di scarto. Questa volta, però, segnando un solo gol: lo ha realizzato Berra al 32° del secondo tempo.

La cronaca. Vito Grieco schiera i locali con un 4-2-3-1 con Nobile; Berra, Tedeschi, Milesi, Mammarella; Schiavon, Bellemo; Azzi, Germano, M. Gatto; Morra.

A disposizione ci sono Moschin, Rovei, Comi, L. Gatto, Rosso, Mal, P. Grillo, Pezziardi, Crescenzi, Iezzi, Foglia, Gerbi.

Claudio Bellucci manda in campo l’Albissola con un 4-3-3 con Piccardo; Calcagno, Rossini, Gargiulo, Oliana; Raja, Damonte, Oukhadda; Martignago, Cais, Cisco.

Le riserve sono Bambino, Albertoni, Mahrous, Balestrero, Gulli, Bezziccheri, Sibilia, Durante, Oprut, Nossa, Silenzi.

Arbitra Francesco Carrione della sezione di Castellammare di Stabia, coadiuvato da Stefano Lenza (Firenze) e Francesco Santi (Prato). Locali in maglia bianca con calzoncini e calzettoni neri; ospiti in maglia blu con calzoncini bianchi.

I piemontesi battono il calcio d’inizio. Dopo fasi di studio durature, al 12° la Pro Vercelli prova l’affondo: Azzi dal limite dell’area si accentra e conclude col sinistro, Piccardo para in due tempi.

Al 15° Schiavon, con un’iniziativa personale, guadagna un angolo. I padroni di casa provano a fare la partita, ma l’Albissola difende con ordine e non corre pericoli.

Al 22° errore in fase di alleggerimento di Rossini, Gatto conclude: respinge Calcagno.

Al 32° Germano conquista una punizione dal limite. Se ne incarica Schiavon: Calcagno in barriera devia in angolo.

Al 34° si fa viva l’Albissola: Cais serve Martignago che cerca la conclusione da posizione defilata: palla sull’esterno della rete.

Al 36° terzo corner per i bianchi: palla a Gatto che crea scompiglio nella difesa ospite e tocca nell’area piccola a cercare Milesi, il quale non ci arriva per un soffio.

Al 38° i Ceramisti calciano due angoli in meno di un minuto, ma non riescono ad andare al tiro.

Al 40° azione della Pro Vercelli sulla destra, Bellemo mette in mezzo e serve un ottimo pallone per Gatto che all’altezza del dischetto del rigore, col piatto destro, manda a lato.

Al 42° assist di Martignago per Cais, la sua girata si spegne sul fondo.

Al 44° calcio di punizione per la squadra di casa: se ne incarica Mammarella, il suo sinistro si stampa sulla traversa.

Scampato il pericolo, l’Albissola può rifiatare: si va al riposo, senza recupero, sul risultato di 0 a 0.

Nel secondo tempo la Pro Vercelli si presenta in campo con Rosso al posto di Schiavon. Al 2° viene ammonito Germano.

I locali attaccano e calciano due angoli ravvicinati, senza però impensierire Piccardo.

Al 6° va al tiro Rosso: il suo destro è parato da Piccardo. Cambio di fronte, palla per Cisco che prova la conclusione: a lato.

Al 9° Damonte trattiene Gatto: ammonito. Al 10° Bellucci effettua il primo cambio: Sibilia per Raja.

All’11° l’Albissola corre un grosso rischio. Calcio di punizione messo in mezzo, Piccardo sbaglia l’uscita e perde il pallone, se ne impossessa Morra che calcia a botta sicura: provvidenziale l’intervento di Rossini che sulla linea di porta salva e allontana.

Ancora due ammonizioni. Ne fanno le spese Oliana, per un intervento falloso su Germano, e Bellemo, per un fallo su Cisco.

Al 15° punizione calciata da Martignago: Nobile fa suo il pallone in presa.

È comunque la Pro Vercelli ad essere più intraprendente e al 18° ottiene il settimo corner della sua partita, ma non dà frutti e il risultato resta sullo 0 a 0.

Al 19° Gerbi prende il posto di Azzi e i bianchi passano al 4-4-2. I piemontesi, però, non riescono a dare una svolta al loro incontro e così al 24° Grieco effettua un altro cambio: entra Leonardo Gatto, esce Massimiliano Gatto.

Al 28° Germano trattiene Damonte: il numero 8 è già ammonito e l’arbitro gli risparmia il secondo giallo, tra le proteste dei biancazzurri.

Al 32° potente stoccata di Germano dal limite dell’area: Piccardo respinge in angolo. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina la Pro Vercelli sblocca il risultato: Mammarella mette in mezzo, Morra devia sul palo, poi la risolve Berra scagliando la palla in rete. 1 a 0.

Al 36°, tra i locali, Iezzi prende il posto di Morra: i locali si coprono per difendere il vantaggio. Al 38° Bellucci manda in campo Silenzi al posto di Oukhadda.

Sono però ancora i piemontesi ad attaccare, guadagnando il loro decimo angolo. Al 43° Bellucci getta nella mischia Balestrero, al posto di Oliana.

Al 45° gli animi si scaldano. Rossini sente qualche parole al suo indirizzo da parte della panchina locale, si avvicina a Griesco e lo colpisce con una testata. Cartellino rosso per il difensore ligure, trattenuto a fatica dai compagni. Anche l’allenatore vercellese viene allontanato.

Sono già due i minuti oltre il novantesimo e l’arbitro assegna altri quattro minuti di recupero.

L’Albissola, però, deve ancora subire le iniziative dei locali che calciano un altro angolo.

Finisce con la vittoria per 1 a 0 della Pro Vercelli, che in questo momento occupa la prima posizione in classifica. L’Albissola resta inchiodata a quota 17 punti. Per i biancazzurri è la quarta sconfitta nelle ultime cinque giornate, subite tutte con una sola rete di scarto.

Nel prossimo turno, domenica 3 febbraio, la matricola ligure giocherà alle ore 14,30 a Chiavari contro l’Arzachena Costa Smeralda.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.