IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ristoranti etnici in crescita nel savonese, ecco quanti e dove sono

Dal 2013 al 2018 sono aumentati del 36,3%, quasi un quarto appartengono ad egiziani

Provincia. Forse non potranno mai scalzare dalle posizioni di vertice le pizzerie, ma di sicuro hanno da tempo surclassato quelli che propongono la farinata. Stiamo parlando dei ristoranti etnici: che si tratti di cinesi, degli ormai consolidati “kebabbari” o dei moderni locali “fusion”, il fenomeno è in forte espansione nella nostra provincia. E i savonesi si stanno sempre più abituando a trascorrere una serata degustando piatti tipici di tradizioni culinarie esotiche.

Lo si evince da alcuni dati, che parlano di una vera e propria esplosione negli ultimi cinque anni: secondo i numeri forniti a IVG dalla Camera di Commercio Riviere di Liguria, al 30 settembre 2018 nel savonese c’erano 199 imprese della ristorazione con titolare straniero, più che a Imperia (162) e il doppio che nello spezzino (99).

Il loro numero in provincia di Savona è in crescita del 36,3% rispetto al 2013, quando se ne contavano 53 in meno. Un aumento comunque generalizzato: nel genovese si è passati da 340 a 467, a Spezia da 64 a 99, a Imperia sono addirittura raddoppiate (da 84 a 162).

Va precisato che si parla come detto di ristoranti con titolare straniero: un dato che quindi non identifica esattamente i ristoranti etnici (per i quali non esiste una categoria apposita) ma può fornire comunque una indicazione. Analizzando le nazionalità dei titolari, quasi un quarto del totale sono egiziani: 46 ristoranti su 199, il 23,11%, sei in più rispetto a 5 anni fa. Seguono i cinesi: sono 29, il 14,57% del totale, e dal 2013 da oggi sono aumentati di 11 unità.

A fare la parte del leone è ovviamente la città di Savona, in cui operano 49 ristoranti con titolare straniero, di cui 13 cinesi e 10 egiziani. Seguono Albenga con 24 imprese e il trittico Finale Ligure-Pietra Ligure-Loano con 14 ristoranti l’una. Dodici quelli presenti ad Alassio, 7 a Varazze, 6 a Cairo Montenotte.

Complessivamente sul territorio savonese nel settore operano 1.569 imprese, il 12,7% delle quali a gestione straniera. E’ la percentuale più bassa in Liguria: nel genovese sono il 17,5%, nell’imperiese il 15,2% e nello spezzino il 13,4%.

Numeri in ogni caso ben distanti da quelli dei maggiori centri urbani. La classifica è dominata da Milano, con le sue 3.137 imprese e 12.889 addetti, seguita da Roma (rispettivamente 2.357 e 7.144) e Torino (1.277 e 3.926). Analizzando i dati si nota una netta distinzione geografica, con Centro-Sud e Isole, ad eccezione della capitale, interessate in misura minore dal fenomeno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.