IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rischio idrogeologico, pronti a partire i lavori per la sistemazione di rio Bruxea a Bergeggi

Prevede la pulizia ed una serie di opere deputate a ridurre la velocità di scorrimento dell'acqua e a trattenere eventuali materiali trascinati a valle

Bergeggi. Proseguono senza sosta gli interventi volti ad eliminare i pericoli connessi al rischio idrogeologico sul territorio di Bergeggi predisposti dall’amministrazione comunale del sindaco Roberto Arboscello.

Dopo l’acquisizione di tutti i pareri degli enti interessati, il settore lavori pubblici e ambiente del Comune ha avviato la procedura di gara per la risistemazione del Rio Bruxea, uno dei rii che taglia quasi per intero il paese e che in passato aveva destato qualche preoccupazione e problema a seguito degli eventi meteorologici eccezionali che hanno colpito Bergeggi e la Liguria.

L’intervento, per un importo di 140 mila euro, prevede la pulizia ed una serie di opere deputate a ridurre la velocità di scorrimento dell’acqua e a trattenere eventuali materiali trascinati a valle: “Le opere – spiegano dal Comune – seguiranno la stessa filosofia messa in atto dall’amministrazione Arboscello nel recente passato su altri rii: verranno realizzate opere di ingegneria naturalistica, con l’impiego per quanto possibile di materiali naturali, limitando al massimo l’impatto ambientale assicurando allo stesso tempo il miglior risultato in termini di efficacia”.

Questo intervento su Rio Bruxea segue quelli effettuati gli anni scorsi su Rio del Monte e Rio Torre d’ Ere: “Avevamo detto fino dall’inizio del mandato che ci saremmo occupati di fare cose utili e importanti per la cittadinanza senza preoccuparci troppo della visibilità delle stesse agli occhi del cittadino e così è stato – spiega il sindaco – In questi anni tanto è stato fatto su questo tema, quello della sicurezza, che riteniamo prioritario e tanto resta ancora da fare. Negli ultimi anni abbiamo assistito a eventi meteorologici che ormai non possiamo più considerare straordinari, anzi dovremo abituarci. Per questo è necessario continuare a realizzare opere a tutela dei cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.