IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, via libera al bando da 3,5 milioni di euro per l’area di crisi complessa del savonese

Benveduti: “In attesa degli esiti del bando del Mise, sosteniamo le imprese e le filiere produttive di quest’area”

Regione. Via libera a 3 milioni e mezzo di euro per sostenere i progetti delle imprese, anche micro, insediate nell’area di crisi complessa del savonese.

Su proposta dell’assessore allo sviluppo economico Andrea Benveduti, la giunta ha approvato la riapertura, con modifiche legate alla localizzazione degli interventi, del bando che promuove la realizzazione di progetti complessi di ricerca industriale e sviluppo sperimentale su poche aree tematiche di rilievo e l’applicazione di soluzioni tecnologiche funzionali alla realizzazione delle strategie di Smart Specialisation Strategy regionale dell’Asse1 – azione 1.2.4 del Por Fesr Liguria.

“L’attenzione della Regione si concentra in quest’area del savonese, già oggetto di un bando nazionale del Mise che ha avuto notevole successo per numero di progetti presentati e di aziende coinvolte, del quale si attendono gli esiti – afferma l’assessore Benveduti – Oggi mettiamo in campo 3 milioni e mezzo di euro per incentivare gli insediamenti e la competitività di quest’area, perché crediamo che il concentramento e l’aggregazione delle risorse e degli strumenti possa massimizzare i risultati in una zona, pronta a tornare competitiva. Per mantenere alto l’interesse abbiamo anche richiesto al Mise di ampliare la contribuzione dedicata all’area del savonese con l’obiettivo di consolidare filiere produttive capaci di creare occupazione e sviluppo per il territorio”.

Le finestre di apertura sono dal 5 al 15 marzo, con una dotazione assegnata di 2 milioni e 100 mila euro, pari al 60 per cento delle risorse, e dal 10 al 25 giugno 2019 con una dotazione di 1 milione e 400 mila euro pari al 40 per cento delle risorse assegnate.

Le due aperture del bando consentiranno alle imprese interessate di partecipare nel maggiore numero possibile e, qualora non rientrassero nella prima fase, permetterà loro di avere i tempi tecnici per presentare il progetto successivamente.

Il bando riserva una quota di risorse pari al 60 per cento della dotazione alle micro, piccole e medie imprese, di cui il 30 per cento è destinato alle micro e piccole imprese. La procedura online di presentazione dei bandi sarà attiva sul sito della Finanziaria ligure per lo sviluppo economico, Filse.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.