IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovo angiografo per l’ospedale San Paolo di Savona: entro giugno il bando di gara

L'assessore Viale: "Strumento operativo nei primi mesi del 2020, assieme a quello del Santa Corona"

Savona. Verrà bandita entro il primo semestre di quest’anno la gara per l’acquisto dell’angiografo monoplano “total body” per l’ospedale San Paolo di Savona, in sostituzione di quello oggi uso presso la sala multidisciplinare di Radiologia Interventistica e Cardiologia/Emodinamica. Lo annuncia la vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale, rispondendo all’interrogazione del capogruppo di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino, presentata stamane in consiglio regionale.

Nell’interrogazione, sottoscritta dal collega di gruppo Francesco Battistini, Pastorino ricordava che “l’assessore alla sanità Sonia Viale aveva confermato l’intenzione di procedere all’acquisto di un nuovo angiografo all’ospedale San Paolo e che il progetto era stato presentato alla direzione generale nel settembre 2018, ma la Asl2 ha difficoltà a finanziare l’acquisto per incapienza dei fondi”. Pastorino ha chiesto alla giunta il progetto sull’utilizzo dell’apparecchiatura elaborato dalla commissione della Asl2 e consegnato alla direzione generale per finanziare con urgenza l’acquisto del nuovo angiografo.

L’assessore alla sanità Sonia Viale ha annunciato: “Siamo in grado di procedere all’acquisto dell’angiografo”, ma ha spiegato che la procedura è molto complessa perché riguarda, non solo la disponibilità di risorse, ma anche il rispetto delle normative sulle gare, la formazione del personale e la sua organizzazione rispetto al servizio offerto. “Questo nuovo apparecchio sarà installato e funzionante entro i primi mesi del 2020, così come il nuovo angiografo destinato all’ospedale Santa Corona”.

Entrambe le strumentazioni sono finanziate con mutui autorizzati da Regione con una spesa presunta di 1,8 milioni complessivi. Inoltre nell’ambito del piano di ammodernamento tecnologico delle attrezzature più obsolete in funzione nei nostri ospedali, reso possibile grazie all’azione di efficientamento dei servizi e delle risorse realizzata da Alisa, sono stati inseriti anche altri due angiografi cardiologici dei due ospedali savonesi, San Paolo e Santa Corona, con un finanziamento di 500 mila euro”.

L’assessore Viale sottolinea che “si tratta di soluzioni attese da tempo. Il San Paolo è un ospedale di primaria importanza, punto di riferimento di un’area vasta del territorio. Per questo stiamo lavorando per il suo potenziamento, anche attraverso la sostituzione delle apparecchiature più obsolete. Un piano che interessa non solo il savonese ma tutta la Liguria, in una logica di rete”.

“Riteniamo che la nostra interrogazione abbia dato una spinta decisiva – afferma Pastorino – messo un punto su una questione su cui la popolazione ripone molte aspettative. Seguiremo passo a passo l’evoluzione della vicenda, assicurandoci che si concluda entro questa legislatura, altrimenti sarebbe un danno con chiare responsabilità politiche”.

“Considerato che il codice degli appalti impone un dilatamento dei tempi, è ancor più necessario che assessorato e Alisa procedano rapidamente e nel modo più corretto, senza forzature ma evitando ulteriori perdite di tempo. Il San Paolo serve 165.000 abitanti e oggi si trova a subire una disparità di trattamento, in termini di servizi erogati, sia rispetto al resto della provincia savonese sia rispetto al San Martino di Genova”.

“C’è stata una petizione che ha raccolto 14.000 firme, c’è il consenso dei comuni dell’entroterra, lo stesso consiglio comunale di Savona ha approvato con voto unanime un sollecito alla regione: è evidente che l’angiografo al San Paolo sia per tutti una priorità” conclude il consigliere regionale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.