Curiosità

Nevica il 23 gennaio? I nostri nonni lo avrebbero previsto senza alcuna allerta

Secondo i detti popolari, sono proprio i santi dei giorni scorsi noti come "mercanti della neve" ad averla procurata

neve naso di gatto
Foto d'archivio

Val Bormida. I nostri nonni di certo non si stupirebbero di vedere nevicare oggi. Oltre ad essere nel cuore dell’inverno, infatti, quando in passato non esistevano nè internet nè le allerte meteo, a “sostituire” la tecnologia di oggi c’erano i proverbi e i detti popolari.

Sant’Antonio abate (17 gennaio), San Sebastiano (20) e Sant’Agnese (21) sono chiamati i mercanti della neve perché, se in queste date fa bel tempo e splende il sole, ne approfittano e vanno al mercato a “comperare la neve” da spargere sulla terra nei giorni successivi.

Questi giorni erano considerati dai contadini come un almanacco, in base al tempo che si verificava nei tre giorni si ipotizzava il tempo per il resto dell’anno, ma anche il raccolto.

“Sotto la neve pane, sotto la pioggia fame”: le piante che, durante il lungo inverno, giacciono ricoperte dalla bianca coltre, come il grano, crescono robuste, formando le spighe che, poi, diventeranno gialle al sole di maggio e di giugno.

Più informazioni
leggi anche
Allerta gialla 23 gennaio
Tempo reale
Dopo la neve, ecco il vento: rischio ghiaccio sulle strade – Prolungata l’ALLERTA GIALLA per neve
Allerta gialla 23 gennaio
Bilancio
Maltempo, Toti: “Il sistema di previsioni della Regione ha funzionato. Prudenza per vento e gelate”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.