IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’associazione Bocciofila savonese compie 99 anni: festa con l’inno “perduto”, in regalo la copertura dei campi fotogallery

In via Famagosta la “Grande Vecchia” si appresta a festeggiare: il regalo sarà, in primavera, l’inizio dei lavori per la copertura di quattro campi

associazione bocciofila savonese

La Storia, quella con la “S” maiuscola, non è altro che un mosaico di tante storie con la “s” minuscola, ma non per questo meno interessanti e coinvolgenti. Per questo, in occasione del novantanovesimo anniversario dell’Associazione Bocciofila Savonese, abbiamo ripercorso per sommi capi, in compagnia del presidente Alessandro Gugliotta, la storia di questa prestigiosa società sportiva.

Tre bandiere (italiana, savonese e societaria), due delle quali realizzate da uno dei soci anziani dell’A.B.S., il sig. Armando Costa, accolgono, sventolando sui campi in terra battuta, chi oltrepassa il cancello d’ingresso dell’associazione che, domani, spegnerà virtualmente le 99 candeline sulla sua torta di compleanno. Il 18 gennaio del 1920, infatti, alle ore 14, nasceva la Società Operaia Cattolica di Nostra Signora della Misericordia – sezione “Bocce”, destinata ad assumere la definitiva denominazione di “Associazione Bocciofila Savonese” il 13 aprile 1921.

Come tante altre associazioni (sportive e non), anch’essa si proponeva quale punto di riferimento nel clima immediatamente successivo alla fine della prima guerra mondiale, quando era forte il desiderio, o piuttosto la necessità, di ridare alle genti quel senso di sodalizio, di fratellanza, di unità e di fiducia che il conflitto aveva offuscato. Inoltre, essendo le bocce uno sport “povero”, si concedeva a tutti la possibilità di godere di un momento di distensione e di svago dopo una giornata di lavoro.

Soci fondatori furono i cavalieri Cesare Lanza (già fondatore del Savona Calcio), che della società assunse la Presidenza, e Giovanni Venturino, suo vicepresidente; a loro si univano altri 22 soci, per un totale di 24 persone.

associazione bocciofila savonese

La prima sede dell’A.B.S. fu in via Famagosta 2 (un gioco del destino ha voluto che, dopo una sorta di percorso circolare, la Bocciofila tornasse, dopo oltre novant’anni, proprio nella medesima via cittadina, per quanto a un diverso numero civico). Tuttavia, questo era soltanto il locale adibito alle riunioni, mentre i campi da bocce si trovavano in via Frugoni, in un’area di fronte all’attuale stazione ferroviaria. Un’ulteriore sede, puramente amministrativa, era infine ospitata in via Paleocapa 19 (assetto eccezionalmente complesso, soprattutto per quel tempo, ma chiaro indice della volontà dei fondatori di dare alla nuova istituzione una struttura organizzativa funzionale e di tutto rispetto, degna delle maggiori società sportive).

Durante il Ventennio fascista, non si poteva essere una società “rossa”, ma solo “nera” (per scelta o per convenienza) o “bianca”. L’A.B.S. – nata, d’altronde, da una costola della Società Operaia Cattolica – fu, fin dal principio, indiscutibilmente “bianca”, manifestando la sua natura apolitica finanche nel colore della sua prima maglia ufficiale.

Nel 1928, le furono concessi alcuni campi in via Firenze 27, dove, una volta constatata la buona affluenza di pubblico e un tesseramento quantitativamente interessante, si decise di stabilire la sede unica e (allora si pensava) definitiva. Nel 1970, fu inoltre dotata di un bocciodromo coperto, prima struttura del genere nella provincia di Savona.

Prosegui la lettura a pagina 2

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.