IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Elezioni provinciali, è lotta a tre: il centrodestra unito sfida il centrosinistra, ma arriva anche la lista civica

Presentate ufficialmente: “Cambiamo la Provincia” (centrodx), “Uniti per la Provincia” (centrosx) e la civica “Provincia Futura”

Provincia. Lo aveva annunciato il segretario provinciale della Lega Roberto Sasso del Verme e il centrodestra è stato di parola presentando una lista unitaria, con oltre 100 firme al seguito (ne sarebbero bastate appena 43 per la presentazione), e “sparigliando”, come da previsioni, le carte in vista delle imminenti elezioni del consiglio provinciale, previste per domenica 27 gennaio 2019.

Una comunicazione maldigerita da tanti, che ha portato altri a corse contro il tempo per completare le liste e ottenere le firme necessarie per la presentazione (la scadenza era fissata proprio per la giornata odierna 7 gennaio 2019).

Questa la lista presentata dal centrodestra, nelle persone dello stesso Sasso Del Verme e di Luigi Pignocca (Loano), e ribattezzata “Cambiamo la Provincia”: Massimo Parodi (presidente del consiglio comunale di Alassio), Eraldo Ciangherotti (Albenga), Alessandro Bozzano (sindaco di Varazze), Luana Isella (Loano), Sara Badano (Finale), Sara Brizzo (Albisola Superiore), Franco Bonasera (Spotorno), Luigi Bussalai (civica Savona), Fiorenzo Ghiso (Lega Savona) e Ilaria Piemontesi (Cairo).

Sasso del verme Pignocca

“Procediamo sulla strada che abbiamo annunciato di voler intraprendere e confidiamo di ottenere un risultato positivo, spostando così l’asse della Provincia, prima a sinistra, verso il centrodestra”, il commento di Sasso Del Verme.

“Nella nostra lista, – ha aggiunto il sindaco di Loano Pignocca, – ci sono rappresentanti di tutte le aree della nostra provincia e alcuni membri della precedente amministrazione che, grazie al proficuo lavoro svolto finora e all’esperienza maturata, sapranno dare un importante contributo anche nel nuovo consiglio provinciale. Il centro-destra ha deciso di presentarsi unito e cercherà di dare il proprio apporto nella gestione di questo importante ente che, pur essendo stato ridimensionato, resta un punto di riferimento fondamentale per cittadini e Comuni”.

Corsa contro il tempo, come detto, per il centrosinistra, che si è presentato con la lista “Uniti per la Provincia” (terza volta consecutiva), composta da 5 elementi (e con oltre 70 firme “racimolate in meno di 3 giorni”). Questi i componenti: Massimo Niero (sindaco di Cisano sul Neva), Mattia Fiorini (sindaco di Spotorno), Barbara Pasquali (Savona), Sonia Garofalo (Borgio Verezzi) e Rodolfo Mirri (Carcare).

Questa, infine, la lista civica “Provincia Futura” (con “52 firme raccolte in un giorno e mezzo”: Paola Busso, (consigliere al Comune di Varazze); Jan Casella (consigliere al Comune di Alassio); Marco Chiriaco (consigliere al Comune di Roccavignale); Giuseppe Laureri detto “Silvano” (consigliere del Comune di Stellanello); Nadia Ottonello (consigliere al Comune di Quiliano).

E proprio queste ultime due liste, o meglio i nomi e le estrazioni politiche di essi (la maggior parte sono anime legate al centrosinistra, una su tutte Jan Casella), hanno fatto pensare ad una sorta di spaccatura a sinistra, negata però dalle rappresentanze di entrambe le liste.

“Una pluralità di liste aiuta il processo democratico: non mi sento in conflitto con l’altra lista, – ha esordito Massimo Niero. – Noi dal canto nostro portiamo avanti per la terza edizione la nostra lista. Il progetto originario, dopo l’elezione di Olivieri, sembrava tendere verso la lista unica, ma poi è arrivato il diktat della Lega e ci siamo mossi di conseguenza”.

Niero, quindi, ha rivendicato meriti e risultati ottenuti proprio dalla lista negli ultimi anni: “Questa lista è quella che ha ottenuto l’acqua pubblica, che non è certo merito di altri, a fatica e senza guardare alle appartenenze politiche o simili. Qui c’è gente che ha fatto tanto. Penso anche al piano dei rifiuti, che è praticamente pronto per essere portato a compimento”.

Negano la spaccatura anche i membri della lista civica “Provincia Futura”, dalle cui parole però si evince chiaramente la voglia di discontinuità con il passato, con qualche critica anche all’operato della passata gestione.

“A dire il vero è da mesi che pensiamo e lavoriamo alla formazione di questa lista, – hanno spiegato, – Non siamo una lista di sinistra o di qualunque altro partito: siamo Davide contro Golia. La nostra lista è il frutto di un territorio che si è mosso spontaneamente, come dimostrano le tante firme raccolte, pochissime delle quali appartengono a persone iscritte ai partiti. Sono le firme della periferia che vuole contare, dei consigliere che sono stufi di dover solo alzare la mano”.

“Vogliamo fornire risposte su temi su cui la politica per come la conosciamo ha fallito: l’acqua, la gestione dei trasporti e dei rifiuti ad esempio. Cercheremo di contattare tutti gli aventi diritto al voto per il consiglio in modo che sia evidente e noto che qui ‘Davide’ sceso in campo. I partiti hanno fallito. È vero, come detto, che qualcuno di noi aderisce ad un partito, ma non ci riconosciamo nelle scelte scellerate che questo gruppo dirigente porta avanti da anni”.

“La nostra non è una lista contro, non è un pezzo sinistra contro un altro. È una lista pro: un territorio che vuole liberarsi da chi ha fatto della politica una professione e che vuole riportare le periferie e i loro problemi al centro. Inizieremo incontrando, tra gli altri, i lavoratori Tpl e Piaggio”, hanno concluso da ‘Provincia Futura’.

Per quanto riguarda la componente tecnica delle elezioni, il numero complessivo degli iscritti al voto è pari a 843 (69 sindaci e 774 consiglieri comunali) e pertanto il numero minimo di sottoscrizioni a corredo della presentazione di ciascuna lista di candidati per il consiglio provinciale di Savona ammonta a 43 (5 per cento degli aventi diritto al voto).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.