Decreto Sicurezza, Toti: "Liguri e genovesi non rimpiangono come il Pd ha gestito immigrazione e sicurezza” - IVG.it
Risposta

Decreto Sicurezza, Toti: “Liguri e genovesi non rimpiangono come il Pd ha gestito immigrazione e sicurezza”

Il presidente di Regione Liguria risponde al consigliere regionale Giovanni Lunardon

giovanni toti

Regione. Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti risponde al consigliere regionale Giovanni Lunardon sul Decreto Sicurezza: “Caro Lunardon, cari amici del Pd, sono certo che i liguri e i genovesi non rimpiangono il tempo del vostro Governo nazionale e regionale, con immigrati ospitati in via XX Settembre nel nostro capoluogo, dove pochi liguri potrebbero permettersi di abitare, e non rimpiangono neppure il mercatino abusivo di corso Quadrio, dove si vendeva di tutto irregolarmente, mentre gli ambulanti italiani lottavano con la direttiva Bolkestein. Senza contare, è doveroso ricordarlo, la situazione di degrado che ogni giorno si viveva a Ventimiglia, un angolo di Italia totalmente fuori controllo”.

“Siamo seri – prosegue Toti – tutto è migliorabile, anche il Decreto Sicurezza, e quando il Governo ha sbagliato l’ho detto chiaro e tondo”.

“Ma pensare a come voi del Pd – conclude – avete gestito immigrazione e sicurezza, pensare che non siate ancora convinti dei vostri errori nonostante le bocciature dei cittadini, mi fa correre un brivido lungo la schiena”.

leggi anche
Giovanni Lunardon
Duro attacco
Decreto Sicurezza, Lunardon (Pd) tuona: “Invece che genuflettersi a Salvini Toti dovrebbe aiutare i Comuni”
Immigrazione - Immigrati
Posizione
Decreto sicurezza, il segretario Pasa (Cgil): “Nel savonese 200 posti di lavoro in meno”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.