IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Banca Carige: entro febbraio il nuovo piano industriale

"Ricapitalizzazione ipotesi residuale". Ecco l'intervento di Aldo Spinelli

Più informazioni su

Liguria. I commissari straordinari di Banca Carie, accompagnati da Gianluca Brancadoro per il Comitato di Sorveglianza, hanno incontrato i vertici dello Schema Volontario di Intervento del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (“SVI”), formulando una proposta volta a porre le basi della ridefinizione delle condizioni del prestito subordinato di 320 milioni di euro.

banca carige

Parallelamente, Fabio Innocenzi, Raffaele Lener e Pietro Modiano, hanno deciso di avviare una due diligence sugli NPE della Banca, che sarà condotta da primari operatori del settore, con l’obiettivo di una ulteriore drastica riduzione degli stessi (che segue quella di oltre 1,5 miliardi di euro appena effettuata) al fine di includere nel piano industriale una percentuale degli NPE compresa tra il 5% e il 10% del totale dei crediti. In questo modo la Banca si posizionerebbe al di sotto del valore medio di sistema.

Carige ha l’obiettivo di ridurre il peso degli NPE senza impatti significativi sui ratio patrimoniali in analogia con le operazioni di mercato appena finalizzate. Grazie, infatti, agli accantonamenti che hanno recepito le indicazioni della BCE e in linea con gli esiti delle ultime operazioni su UTP e sofferenze di Carige, si cercherà di avere un impatto tra eventuali nuovi accantonamenti e riduzione dei risk weighted asset tale da non alterare se non marginalmente i ratio patrimoniali previsti nel capital conservaton plan.

Beneficiando di queste due iniziative, il piano industriale che verrà presentato entro fine febbraio 2019 potrà prevedere un percorso credibile non solo dal punto di vista della sostenibilità operativa ma anche, e soprattutto, in termini di attrattività in ottica di aggregazione. In questo quadro, al fine di garantire la stabilità della raccolta a medio termine nella presente fase di transizione traendo beneficio dal decreto legge approvato ieri dal Consiglio dei Ministri, i Commissari sono in procinto di chiedere l’attivazione della garanzia statale sulla emissione di obbligazioni.

Si precisa invece che l’ipotesi di ricapitalizzazione precauzionale, così come evocata dal comunicato del Consiglio dei Ministri, è da considerarsi come un’ulteriore misura a tutela dei clienti, da attivarsi come ipotesi del tutto residuale.

E sulla situazione dell’istituto di credito ligure ecco l’intervento di Aldo Spinelli, che ha incontrato questa mattina i vertici della banca: “Credo che le parole che sono state dette questa mattino ci tranquillizzano su tutti i fronti – ha detto a margine – tranquillizzano tutti quelli che in questi anni hanno lavorato con Carige”.

“Non so se sia merito del governo, ma sono sicuro che se lasciamo lavorare Modiano e Innocenzi, che hanno pieni poteri, la banca può rinascere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.