IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga potenzia il servizio IAT: nuovo ufficio nel centro storico

L'annuncio dell'assessore Alberto Passino dopo un ultimo sopralluogo nella Sala dei Consoli di Palazzo Vecchio

Il Comitato Locale Turismo di Albenga, insieme con l’assessore comunale Alberto Passino, hanno in questi giorni eseguito un ultimo sopralluogo all’interno di Palazzo Vecchio e più precisamente nella Sala dei Consoli (il pian terreno della torre civica): qui sarà potenziato il sistema IAT ingauno con l’apertura entro la primavera di un nuovo ufficio in pieno centro storico, che funzionerà anche come biglietteria per i musei.

Un’iniziativa, condivisa ed autorizzata dalla Soprintendenza, finanziata con l’imposta di soggiorno che vuole essere il primo di una serie d’interventi per rilanciare il turismo ingauno e Palazzo Vecchio, anche nel solco della riorganizzazione del sistema museale cittadino che vedrà protagonisti proprio la stessa Soprintendenza, il Comune, l’Istituto Internazionale di Studi Liguri e la Fondazione Oddi, tutti membri del tavolo tecnico nato per ammodernare la proposta culturale albenganese.

“Albenga potenzierà i suoi servizi di informazione e accoglienza turistica, in un locale di altissimo pregio storico, che poche altre città d’arte possono vantare – sottolinea l’assessore Passino -. La Sala dei Consoli infatti, continuerà a conservare reperti archeologici esposti ai visitatori e utenti che si rivolgeranno al nuovo ufficio IAT. Anche l’ufficio di piazza del Popolo, gestito positivamente in questi anni dalla cooperativa 8, verrà mantenuto e sarà dotato nel 2019 di una postazione noleggio mountain bike, per incentivare il connubio outdoor e valorizzazione dei siti paesaggistici e archeologici di cui Albenga è ricca, basti pensare alla via Iulia Augusta, all’anfiteatro romano e più in generale all’area della necropoli”.

“Dopo l’annuncio del nuovo sito internet ecco un altro progetto finanziato dall’imposta di soggiorno il cui utilizzo, è bene ricordarlo, è stato per intero concordato con le associazioni di categoria della ricettività Ingauna (albergatori dell’UPA, campeggi dei parchi vacanza e della FAITA) di concerto con l’amministrazione, destinando il 100% per il settore del turismo” conclude Passino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.