IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Privatizzazione ospedali, i dubbi di Cangiano sull’ortopedia. Lambertini: “Ora le risposte per la sanità valbormidese” fotogallery

I commenti dei due sindaci interessati dalla privatizzazione degli ospedali

Albenga/Cairo Montenotte. Non si sono fatti attendere i primi commenti a caldo dei sindaci savonesi interessati dalla privatizzazione degli ospedali, Albenga e Cairo Montenotte, dopo l’aggiudicazione provissoria della gestione che ha visto premiata l’offerta dell’Istituto Ortopedico Galeazzi nelll’ambito del bando della Regione Liguria.

In parte diverse le reazioni dei sindaci Giorgio Cangiano e Paolo Lambertini, uniti, però, dalla volontà di attendere, in primis, l’esito conclusivo dell’aggiudicazione. “Fermo restando la mia contrarietà alla privatizzazione dell’ospedale ingauno, se la Regione ha preso questa direzione e ora abbiamo un soggetto gestore, non possiamo fare altro che vigilare sulla riapertura del pronto soccorso e sul mantenimento di reparti e servizi sanitari essenziali per il nostro territorio” ha detto Cangiano.

Secondo il primo cittadino albenganese “una realtà come quella del comprensorio albenganese non può rimanere priva di un servizio fondamentale che garantisca gli interventi urgenti”.

Quanto ad alcuni dubbi già sollevati sull’intersezione di due soggetti privati presenti all’ospedale di Albenga: “Mi auguro, dopo la nostra battaglia e dopo quanto si è verificato sul reparto, che sia solo una questione tecnica e che non si ciano intoppi sull’attività sanitaria in essere o sul personale” conclude Cangiano.

Il sindaco Lambertini resta più convinto della possibile integrazione pubblico-privato per l’ospedale “San Giuseppe”: “Fermo restando il completamento della procedura in atto, spero che si possa arrivare presto a dare risposte concrete alla sanità cairese e di tutta una vallata, che attende un ospedale potenziato (con il pronto soccorso) e con servizi idoneei per i pazienti e cittadini della Val Bormida”.

“In altre regioni e zone italiane le gestioni pubblico-private stanno funzionando bene e spero che dal 2019 anche a Cairo Montenotte si posso avere un ospedale migliore, più funzionale ed efficiente, al servizio di una intera vallata” conclude il primo cittadino cairese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.