IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Istituto Studi Liguri: ad Albenga un convegno sulo studioso del ponente ligure Clarence Bicknell

Si terrà domani, alle ore 16:30, presso il palazzo Peloso Cepolla

Albenga. A conclusione dell’anno 2018 in cui ricorre il centenario della morte di Clarence Bicknell, fondatore del Museo Bicknell di Bordighera, il primo Museo della Liguria occidentale, che da ottant’anni è la sede dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri, la sezione ingauna ha organizzato per domani, giovedì 6 dicembre, alle ore 16:00 in palazzo Peloso Cepolla ad Albenga, una riunione in ricordo di questa straordinaria figura di studioso.

In quest’anno sono stati approfonditi lo studio e la conoscenza della sua poliedrica attività di scienziato, botanico, archeologo, viaggiatore ed esperantista, cui la Riviera di Ponente e tutto il mondo scientifico debbono esser grati per le sue opere innovative: “Ricordiamo in questa occasione soltanto il primo compendio sulla flora e le felci della Riviera e delle montagne vicine, il volume “Flowering plants and ferns of the Riviera and neighbouring mountains” ricco di più di 1000 illustrazioni da lui stesso realizzate, stampato a Londra nel 1885, seguito nel 1896 dallo studio su la “Flora of Bordighera and Sanremo” pubblicato a Bordighera; ma soprattutto vogliamo ricordarlo per avere dedicato molti dei suoi giorni e delle sue energie a realizzare il primo grandioso catalogo delle incisioni rupestri lasciate dagli antichi liguri pastori sulle rocce della valle delle Meraviglie” affermano dalla sezione ingauna.

Ha scritto la dott. Daniela Gandolfi, archeologa dirigente del Museo Bicknell di Bordighera: “Tra le numerose iniziative organizzate per celebrare il centenario, che vedono impegnati l’Istituto Internazionale di Studi Liguri, la “Clarence Bicknell Association”, le Città di Bordighera e Ventimiglia, i Musei di Finale, Imperia, Ventimiglia e Tenda, il Fitzwilliam Museum di Cambridge, la Federazione Italiana Esperantista e molti altri ancora, si inserisce questo bel libro scritto a quattro mani con passione e competenza da Danila Allaria e Ivano Ferrando, compagni di vita e di escursioni con meta principale la Valle delle Meraviglie, di cui il volume restituisce appieno “la meraviglia”.

La presentazione del volume sarà accompagnata dalla proiezione di un filmato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.