IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale, l’amministrazione procede coi progetti di Porto Capo San Donato

Ieri mattina nuovo incontro con un centinaio di utenti

Finale Ligure. Ieri mattina nuovo incontro al Porto di Capo San Donato tra l’amministrazione ed un centinaio di utenti. Presenti all’assemblea il sindaco Ugo Frascherelli e l’assessore Guzzi; con loro anche il tecnico incaricato Paolo Gaggero Paolo ed, in rappresentanza della Finale Ambiente, il geometra Carzolio.

“Un incontro molto positivo e costruttivo – esordisce il sindaco – Come promesso siamo tornati dopo 2 settimane con dati e ipotesi di soluzioni. Il dato più interessante è di certo la notizia che la diga foranea non presenta cedimenti o vulnerabilità immediate, come si temeva dopo il violento attacco del mare di fine ottobre. Occorrerà nel prossimo futuro intervenire per rinforzi di certo necessari ma la paura di dover subito porre mano come priorità a tale intervento non vi è più, e ci si potrà concentrare su altre anomalie strutturali”.

Un sospiro di sollievo per la città di Finale Ligure e per tutti gli utenti, ma con questo non vuol dire che non ci sia altro da fare. “Ci concentreremo sull’annoso problema della risacca – spiega l’assessore Guzzi – Come segnalato dai molti utenti è sicuramente un’anomalia da sanare, una richiesta che gli utenti fanno da 20 anni a cui oggi ci accingiamo a mettere mano. L’ipotesi oggi al vaglio da parte dei tecnici è il modellamento e rafforzamento del molo sottoflutto, in primis, per poi concentrarsi su quello di sopraflutto. Abbiamo visto relazioni e proposte progettuali elaborate nel tempo ed oggi il tecnico incaricato ha l’incombenza di arrivare entro breve con un progetto definitivo cantierabile con le risorse messe a disposizione da parte dell’amministrazione”.

La giunta finalese ha stanziato lo scorso mese 600 mila euro per il porto: 150 mila per passerelle, pontili e riparazioni varie su impianti e luci, 450 mila per le criticità strutturali. A questi primi finanziamenti dovranno di certo seguirne altri: “Tra gli indirizzi forniti al tecnico c’è anche quello di fornire un cronoprogramma sugli interventi, suddivisi in lotti funzionali, ordinati per criticità”. L’iter autorizzativo rimane l’incognita. Progetti e risorse a parte quello che preoccupa gli utenti sono i percorsi burocratici. “Abbiamo già parlato con l’assessore regionale Scaiola – spiega Frascherelli – ci ha garantito supporto da parte della Regione e celerità visto il tema. Da parte nostra vi è la massima attenzione, seguiremo la questione porto come priorità”.

Oltre al tema principale legato agli interventi la discussione è stata concentrata su piano tariffario, appena approvato dalla Giunta con esenzioni per il 2019 su luce ed acqua ed agevolazioni per le riparazioni conseguenti alla mareggiata. Alcuni hanno richiesto un incontro ad hoc nelle prossime settimane per discutere sul bilancio del Porto, e l’Amministrazione si è dichiarata più che disponibile a convocare prima della fine dell’anno una nuova assemblea con tale ordine del giorno: “I bilanci del gestore sono pubblici e legati alla trasparenza doverosa nella pubblica amministrazione, ma saremo lieti di discuterne apertamente spiegando le diverse voci del ramo d’azienda “porto” gestito dalla partecipata comunale” commentano gli amministratori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.