IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dalla Regione 8 milioni di euro per le micro, piccole e medio imprese per l’efficientamento energetico

Lo annuncia il capogruppo di Forza Italia Angelo Vaccarezza

Regione. La Regione Liguria ha approvato il bando per le micro, piccole e medie imprese attuativo dell’Azione 4.2.1 “Incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e delle aree produttive, compresa l’installazione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l’autoconsumo, dando priorità alle tecnologie ad alta efficienza” del Por Fesr Liguria 2014-2020. Lo annuncia il capogruppo di Forza Italia Angelo Vaccarezza.

“Il bando in questione è finalizzato alla realizzazione di interventi diretti alla riduzione dei costi legati ai consumi energetici dei processi produttivi aziendali, alla riqualificazione energetica degli impianti e delle strutture produttive, alla progressiva sostituzione degli impianti e dei macchinari con altri nuovi ed energeticamente più efficienti, all’installazione di impianti ad energia rinnovabile (fotovoltaico, solare termico, biomasse) per i fabbisogni energetici dei processi produttivi e dei fabbisogni energetici in genere. Gli obiettivi vengono perseguiti utilizzando, quale forma di sostegno, uno strumento finanziario (finanziamento) combinato con una sovvenzione a fondo perduto”.

Possono presentare domanda per ottenere l’aiuto le micro, piccole e medie imprese del settore privato che risultino iscritte nel registro delle imprese come attive, esercitino un’attività economica classificata con codice Istat Ateco 2007 e non si trovino in stato di fallimento, liquidazione coatta, concordato preventivo o non abbiano in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni.

Il bando dispone di una dotazione finanziaria complessiva pari a 8 milioni di euro, così suddivisi: 4 milioni per i contributi a fondo perduto; 4 milioni per lo strumento finanziario (finanziamento a tasso agevolato). L’agevolazione concedibile tra prestito e contributo a fondo perduto non può superare l’importo di 400 mila euro per singola impresa.

Sono ammissibili le spese riguardanti le seguenti voci: acquisto di attrezzature, impianti e macchinari e relativa messa in opera; acquisto di software dedicato alla gestione, controllo e programmazione del processo produttivo; spese edili strettamente necessarie e connesse alla realizzazione degli interventi; spese tecniche per progettazione, direzione lavori, collaudo, sicurezza cantieri, attestato di prestazione energetica in misura non superiore al 10 per cento delle spese ammissibili relative alle voci di cui ai punti precedenti.

Le domande di contributo devono essere redatte solo online, accedendo al sistema “Bandi online” dai siti www.filse.it o www.filseonline.regione.liguria.it, compilate in ogni loro parte e complete di tutta la documentazione richiesta, firmate con firma digitale dal legale rappresentante e inoltrate utilizzando esclusivamente la procedura informatica di invio telematico, a pena di inammissibilità.

Le domande potranno essere presentate dal 1º all’11 marzo 2019, mentre la procedura informatica di presentazione sarà disponibile nella modalità offline dal 1º febbraio 2019.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.