IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Consiglio regionale, ok alla creazione del “Garante dei detenuti”

Rete a Sinistra: "Tutti a favore tranne la Lega, ora procedere al più presto"

Regione. Nel corso della riunione del consiglio regionale di ieri è stato discusso l’ordine del giorno presentato da Gianni Pastorino (Rete a Sinistra/Liberamente Liguria) per destinare adeguate risorse all’istituzione del garante dei detenuti e delle persone sottoposte a misure restrittive, una “importante figura di garanzia, tutt’ora assente in Liguria (unica regione in Italia)”.

“Fatto eclatante – dicono Gianni Pastorino e Francesco Battistini – Oltre al PD e al M5S vota a favore tutta la maggioranza compreso il presidente Toti. Unico voto contrario è quello della Lega. Su questa misura si spacca l’asse del centrodestra. Una grande vittoria del nostro gruppo consiliare, che afferma in maniera netta una necessità non più rinviabile: il garante dei detenuti deve essere istituito al più presto, facendo seguito a quanto già approvato in prima commissione”.

“All’ultima conferenza dei presidenti dei consigli regionali, che si è tenuta il mese scorso a Roma, a cui ho partecipato – ha detto il presidente del consiglio regionale Alessandro Piana della Lega – èmerso che alcune regioni si siano già dotate del garante delle vittime di reato e altre si appresteranno a farlo. Pertanto, semmai prima bisogna occuparsi di questo piuttosto che pensare a tutelare chi commette o viene accusato di commettere reati”.

“In tal senso – ha aggiunto il capogruppo regionale Franco Senarega – noi della Lega Liguria stiamo già predisponendo una proposta di legge che sarà presentata a breve come già fatto in altre regioni, tra cui la Lombardia. Siamo orgogliosi di essere stati gli unici a non avere votato l’ordine del giorno di Rete a Sinistra. Una volta istituito il garante delle vittime di reato non avremo nessuna difficoltà a votare un provvedimento anche per l’istituzione del garante dei detenuti. Ovviamente a condizione che non sia un’ulteriore fonte di spesa a carico dei cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.