IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Animali domestici, assistenza veterinaria per le fasce deboli: sì dal Consiglio regionale

Durante l'assemblea legislativa ligure è stato approvato un ordine del giorno

Liguria. Sì al progetto che preveda l’istituzione di un’assistenza veterinaria di base gratuita per la cura degli animali d’affezione, i cui proprietari rientrino in una fascia socio-economica debole. E’ l’impegno dell’ordine del giorno votato oggi all’unanimità dal Consiglio regionale della Liguria.

L’ordine del giorno, presentato da Matteo Rosso (FdI) e sottoscritto da tutti i gruppi, impegna la giunta “ad attivarsi affinché anche in Liguria possa essere avviato un progetto che preveda l’istituzione di un’assistenza veterinaria di base gratuita per la cura di animali di affezione i cui proprietari rientrino in una fascia socio-economica debole”.

Nel documento si ricorda che un cane costa all’anno almeno 200 euro per vaccini e profilassi e 500 per l’alimentazione mentre per un gatto le spese si avvicinano a 250 euro fra alimentazione, farmaci e servizi veterinari.

“Si tratta di un provvedimento di buonsenso, che consentirà di aiutare chi è in difficoltà economiche e vive da solo, come tante persone anziane, ma vuole tenere in casa un animale da compagnia” affermano Franco Senarega, capogruppo regionale Lega Nord Liguria-Salvini e Vittorio Mazza, consigliere regionale Lega Nord Liguria-Salvini.

“Spesso un cane o un gatto aiutano a non scivolare verso la depressione e gli animali d’affezione possono rappresentare un rimedio alle giornate passate in solitudine”.

“Un progetto pilota è già stato avviato dalla Regione Veneto, che ha previsto la gratuità di cure urgenti, dotazione di microchip, sterilizzazione e altri interventi medici agli animali d’affezione di proprietà di persone anziane e indigenti”.

“Con soddisfazione, oggi in Consiglio regionale assieme agli altri capigruppo in Regione abbiamo sottoscritto un Odg Aula sull’esenzione fiscale totale per le cure veterinarie su animali di affezione, rivolto alle fasce economicamente deboli. Un importante passo per rafforzare il messaggio contenuto ieri in occasione della 20esima Giornata Mondiale dei Diritti Animali (celebrata ogni 10 dicembre, dal 1998) e che ogni giorno dell’anno dobbiamo ricordare e applicare”, hanno dichiarato i pentastellati regionali Alice Salvatore e Marco De Ferrari.

“Aumentare i diritti degli animali, domestici e selvatici, è importante non solo per il loro benessere, in quanto esseri senzienti, ma anche per la nostra salute e di quella dell’ambiente che ci circonda”, continua De Ferrari.

“Quanto promosso in questo Ordine del Giorno in mattinata è poi perfettamente in linea con l’Odg del MoVimento 5 Stelle presentato e approvato ieri alla Camera, affiancato alla legge di bilancio nazionale 2019/2021, con l’intento di sostenere le fasce meno abbienti, che tuttavia hanno un animale d’affezione e desiderano curarlo e accudirlo come si deve, ma non ne hanno i mezzi”, aggiunge Salvatore.

“Come MoVimento 5 Stelle, sia a livello regionale sia a livello nazionale, continuerà il nostro impegno cercando di indirizzare la detraibilità fiscale per cibo e spese veterinarie per calcolarla su ogni singolo animale d’affezione e compagnia in modo da permettere un’estensione dei casi di detraibilità”, segnalano ancora i due consiglieri.

“Riteniamo fondamentale proseguire in questa direzione, perché ogni misura che aumenta la tutela degli animali di affezione, ne disincentiva l’abbandono e garantisce agli umani quell’importante cura terapica preventiva sulla salute che solo gli animali sono in grado di trasmettere”, concludono Salvatore e De Ferrari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.