Ad Albenga la tradizionale conferenza del docente di storia romana Giovanni Mennella - IVG.it
Palazzo peloso cepolla

Ad Albenga la tradizionale conferenza del docente di storia romana Giovanni Mennella

E' organizzata dalla Sezione Ingauna dell’Istituto di Studi Liguri

Palazzo Peloso Cepolla Albenga

Albenga. La Sezione Ingauna dell’Istituto di Studi Liguri ogni anno invita i soci e gli amici a una riunione ormai diventata consueta tra Natale e Capodanno. L’incontro è organizzato con una lezione di argomento albenganese, a cura di docenti o studiosi delle diverse discipline storiche o artistiche. Da anni ormai è tradizionale che la conferenza sia tenuta dal prof. Giovanni Mennella, docente di storia romana ed epigrafia all’Università di Genova e vicepresidente dell’Istituto di Studi Liguri. Quest’anno l’appuntamento è per oggi, alle 16,30, a Palazzo Peloso Cepolla ad Albenga.

“Il prof. Mennella riesce a illustrare vividamente, nel contesto cittadino o in quello più ampio dell’Impero, un personaggio romano – sia un militare o un politico, un uomo d’affari o un modesto artigiano, una matrona o un bambino, da una lapide o da un frammento di lapide del ricco corpus epigrafico della nostra città: ci ha detto pochi giorni fa che avrebbe da commentare iscrizioni, una all’anno, fino al 2060!” dicono dalla sezione Ingauna dell’Istituto di Studi Liguri.

“Quest’anno intratterrà il pubblico con una conversazione dal titolo ‘Le tre lapidi del bambino Maurianus’, nella quale illustrerà il documento più recente fra le numerose testimonianze epigrafiche ingaune di epoca romana: l’iscrizione, infatti, risale a pochi anni prima della conquista della Liguria da parte dei Longobardi, e illumina di vivida luce l’ultimo drammatico momento storico della romanità di Albenga. La conferenza è tradizionalmente seguita dal brindisi di auguri con Pigato e l’ottima farinata di Puppo, e ciò è da molti anni occasione di rivedersi tra amici, di scambio di idee e di messa a punto di progetti, per quanti hanno amore per la nostra città e il suo territorio” concludono gli organizzatori.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.