IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Accise benzina Liguria, M5S esulta: “Emendamento ritirato, grazie al Governo non potranno aumentare”

Salvatore: "Finalmente da gennaio 2019 il costo della benzina nella nostra Regione scenderà di 5 centesimi al litro"

Liguria. Arrivato nella notte il via libera alla manovra della Commissione Bilancio della Camera: ritirato l’emendamento su possibile rinnovo aumenti delle accise della Liguria. “Per il solo anno 2019 – secondo il testo a firma dei relatori della manovra – la Regione Liguria avrebbe avuto la facoltà di rideterminare in aumento l’aliquota dell’imposta regionale in misura non eccedente i 5 centesimi al litro della misura massima consentita. A ‘spingere’ per l’approvazione di questo emendamento sarebbe stato il governatore Toti, il quale poi avrebbe rinnovato le accise scaricando la colpa sulla maggioranza di Governo” dicono i consiglieri regionali liguri del Movimento 5 Stelle.

“Lo avevamo detto due giorni fa che i costi dei carburanti non sarebbero aumentati nemmeno di un centesimo, anzi – dichiara il consigliere regionale Fabio Tosi -: questa notte l’emendamento, richiesto da Toti e grazie al quale avrebbe avuto la possibilità di dare il via al rinnovo dell’aumento, è stato ritirato. Nei suoi comunicati, il Governatore aveva dichiarato che le accise non sarebbero aumentate e che in Liguria il costo della benzina sarebbe rimasto invariato. Questo perché una volta approvato l’emendamento, avrebbe potuto rinnovare nuovamente l’aumento sulle accise dando poi la colpa al MoVimento 5 Stelle” conclude Tosi.

“Adesso non ci sarà il rinnovo dell’aumento sulle accise in Liguria e finalmente da gennaio 2019 il costo della benzina nella nostra Regione scenderà di 5 centesimi al litro. Tutto grazie al Governo giallo-verde che non consente di rinnovare un aumento considerato peraltro illegittimo anche dalla Commissione Europea. L’anomalia tutta ligure che fu inaugurata da Biasotti, peggiorata da Burlando e continuata felicemente per più di tre anni da Toti, finalmente avrà fine” ha dichiarato il capogruppo Alice Salvatore.

“D’accordo con il vice-ministro all’Economia Massimo Garavaglia abbiamo verificato la possibilità di coprire con fondi nazionali le somme stanziate sul dissesto idrogeologico e coperte dal 2011 con le accise sui carburanti della Liguria. Dunque dal 2019 i liguri pagheranno meno al distributore senza rinunciare alla messa in sicurezza del territorio. Il Governo si impegna a coprire il gettito proveniente da quella imposta nella stesura definitiva della Legge di Stabilità” ha detto il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti.

Il vice ministro alle infrastrutture e ai trasporti Edoardo Rixi: “Dal 2019 i liguri pagheranno meno la benzina e non saranno più i liguri a dover pagare, alla pompa di benzina, per provvedere ai danni provocati dal maltempo. Ho sempre espresso contrarietà all’imposizione di 5 centesimi di accise sul carburante per la messa in sicurezza del territorio post eventi calamitosi e alluvionali. Per il primo anno, finalmente, grazie all’intesa raggiunta col governatore Toti e all’impegno del nostro governo a stanziare le risorse necessarie, i liguri pagheranno meno la benzina e sarà lo Stato a provvedere al ripristino del territorio. Questo vuol dire avere un governo vicino ai cittadini”.

Così il deputato di Forza Italia, Roberto Bagnasco: “Benissimo togliere 5 centesimi di accise regionali sul carburante, destinati al ripristino dei danni del maltempo in Liguria, se interverrà lo Stato in analoga misura. Mi permetto solo di ricordare l’importanza di avere interventi in breve tempo. La Liguria, come il collega ed amico Edoardo Rixi ricorda benissimo, ha subito danni enormi e la stagione estiva è alle porte. I Comuni ed i privati hanno pertanto tempi obbligati e stretti per risollevarsi e ricominciare a vivere la normale quotidianità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.